10 segreti dei makeup artist (terza e ultima parte)

Ciao ragazze e ragazzi,

eccomi con un altro post: ho in realtà semplicemente suddiviso in modo diverso gli argomenti per rendere gli articoli più fruibili e leggibili.

In questa sezione vedrete suggerimenti su argomenti come:

lo STRUCCAGGIO

l’ORGANIZZAZIONE e il CONTENUTO della POSTAZIONE e del TROLLEY

le LUCI

l’importanza di farsi truccare per IMPARARE A TRUCCARE.

7) STRUCCAGGIO: oggi per struccarci abbiamo veramente l’imbarazzo della scelta. Dal caro vecchio latte detergente siamo passati ai bifasici e anche agli olii vegetali, ottimi per chi ama i prodotti ecobio (anche se spesso creano problemi di untuosità varie lasciate su federe di cuscino ehheheeh). Io sinceramente faccio poco uso di questi prodotti, mi capita giusto se mi sono truccata con cose molto particolari, grasse e resistenti, come può capitare ad Halloween. (In quei casi l’olio vegetale -in realtà anche quello di origine minerale, di solito a base di paraffina- è ottimo perchè scioglie le componenti adesive che possono avere accessori posticci e makeup strani come quelli che si usano per queste feste, senza tirare la pelle e fare male).

Se siete delle appassionate doc saprete anche che negli ultimi anni c’è stata l’esplosione delle acque micellari, ma forse non sapete come mai, spesso, guardando foto di backstage di sfilate o set, sui desk dei truccatori si vede, nel 99% dei casi, la micellare Bioderma.

biodermauff

Bioderma è stata la casa che ha inventato questa soluzione miracolosa ed è talmente buona, sia in termini di efficacia, sia in termini di delicatezza su tutti i tipi di pelle, che praticamente TUTTI i truccatori fanno affidamento a questo brand per quanto riguarda la detersione. Come si suol dire, è proprio un MUST HAVE. Tra l’altro credo anche che sia l’unica casa ad aver pensato a una micellare per pelli miste/grasse a tendenza acneica. Inoltre, esistono entrambe in 3 formati: da 100ml, perfetta da provare e anche da portare in viaggio o nel trolley da lavoro (con questo flaconcino minuscolo si struccano decine e decine di persone), da 250ml, un po’ più grande ma ancora comodo per viaggiare, e il 500ml, secondo me poco pratico per gli spostamenti ma perfetto per casa e sicuramente molto più economico! Sappiate inoltre che spesso nelle farmacie/parafarmacie si trovano delle promozioni, ad esempio due flaconi da 500ml al prezzo di uno, oppure con 2 prodotti c’è in regalo quella da 100ml. I prezzi, secondo la mia esperienza, sono all’incirca: 3/4€ per il 100ml; 15€ per il 250ml; 18€ per il 500ml.

Se siete nuove in questo settore, vi consiglio quindi di farne scorta e di portarla sempre con voi sui set. Le persone del settore sanno di cosa si tratta ed è un po’ un must have che vi permette di identificarvi subito come professionista, esattamente come potrebbe essere un prodotto MAC.

8) ORGANIZZAZIONE:

Per quanto riguarda l’organizzazione, invece, se siete MUA alle prime armi o semplicemente vi piace truccare le amiche, è necessario sapere come suddividere i prodotti in modo che siano facili da trovare, pratici da riporre e protetti dagli urti.

Se ci pensate, per ogni fase bisogna usare tanti prodotti di forme e formati diversi, ed alcune presentano delle criticità, possono rompersi o aprirsi e provocare un danno difficile da sistemare. Diciamo però che le cose più delicate sono blush e ombretti, mono o in palette, e questi infatti andranno protetti benissimo.

Prendete dunque tutto quello che volete mettere nel trolley e dividete in questo modo.

Per la base avrete: creme viso e contorno occhi, fondotinta e correttori fluidi e/o compatti (flaconi di vetro o tubetti di plastica o pack tondi in cialda magari con specchio o in stick o in polvere libera o compatta), ciprie compatte o in polvere libera; blush mono o in palette; prodotti per il contouring in stick o palette, illuminanti in polvere/stick/tubetto/cialda/fluido/matita; struccanti (micellare inclusa), tonico/acqua di rose o termale, fixer, primer viso e occhi.

Per gli occhi: ombretti in polvere libera o in crema, mono, palette; mascara, eyeliner neri, colorati, glitterati, liquidi o in gel, matite e matitoni, prodotti per sopracciglia quali browkit, matite etc. Ciglia finte e colla.

Per labbra: rossetti e gloss; matite; prodotti in palette o cialde.

Accessori: temperamatite, piegaciglia, pennelli, spugnette, piumini; pinzette e forbicine, stencil per sopracciglia; portapennelli (rullo, tubo o cintura), barattoli portamatite, dischetti e cotton fiocc, veline; pettine o spazzola (li porto anche se non devo fare i capelli); forcine ed elastici per raccogliere i capelli mentre truccate (cioè per la cliente/modella ma anche per voi se serve). Eventualmente pensate anche a un pulisci pennelli ad azione rapida (o almeno che disinfetti).

Tutto ciò che è liquido, in crema non compatta o in polvere libera, se non serve nella quantità in cui viene venduto, si può pensare di travasarlo in flaconi o pot più piccoli (li trovate da Sephora, da Ovs, nelle parafarmacie ma spesso anche nei supermercati. Da MAC li trovate addirittura con il logo).

Questo vale per micellare e struccanti, acqua di rose, pulisci-pennelli, ciprie, pigmenti, blush. La micellare Bioderma e il Fix plus vengono venduti anche in formato travel size.

Per quanto concerne i pennelli, si usa generalemente fare questa associazione:

NATURALI PER LE POLVERI, SINTETICI PER LE EMULSIONI (tutto ciò che è cremoso o liquido). Questo perchè le setole naturali assorbono troppo le emulsioni (spesso si usano per sfumare, proprio perchè attirano gli eccessi di prodotto) mentre i sintetici non trattengono abbastanza le polveri. In realtà oggi esistono diversi tipi di fibre sintetiche e alcune simulano perfettamente quelle naturali. Inoltre non è detto che naturale sia per forza uguale a morbido, anzi; spesso le fibre naturali si consumano e diventano ispide, mentre quelle sintetiche sono più resistenti all’usura e anche più facili e veloci da lavare.

Tra i pennelli dovrete averne diversi delle seguenti tipologie:

-per fondotinta, sintetici: a lingua di gatto, cioè piatto, tipo il MAC 191, per applicare, e  un duofibre, tondo, per sfumare e uniformare (tipo il MAC 187, anche se io preferisco il 188, se non addirittura il 130, ancora più piccolo e compatto. La differenza sta nella resa finale: con il 188 e il 130 si ottiene maggiore coprenza e si possono raggiungere angoli ‘difficili’).

-per polveri viso e per illuminante: grandi e medi, a sezione tonda, sintetici o naturali

-per correttore ed eventuale contouring: medi e piccoli, tondi e piatti

-per sfumare sugli occhi, tipo MAC 217 e 224, piatti e tondi, naturali

-di precisione, tipo MAC 219

-per eyeliner, tipo 315 Zoeva

scovolini monouso per mascara, da sfruttare anche per sopracciglia (si possono comunque lavare e riciclare)

-per labbra: almeno uno per ogni persona da truccare; se saranno molte, optate per applicatori monouso. Esistono inoltre delle spatoline di plastica per prelevare piccole quantità di rossetto dagli stick per poterle poi lavorare a parte. Io uso spatola e piattino di MAC (palette) in acciaio, ma si potrebbero usare anche quelli in plastica per occhi.

11ba30266f8364de354c463fe47dab0e

-spugnette per tamponare il fondo e piumini per la cipria.

Vi suggerisco inoltre di portare anche una busta in cui mettere, man mano che li sostituite, i pennelli e tutti gli accessori sporchi. Una volta terminato il lavoro, sistemerete tutto al proprio posto e a casa dovrete solo tirare fuori la busta, lavarli e  quando saranno asciutti, rimetterli nel trolley: sarete già pronti per una nuova giornata.

Una volta che avrete sott’occhio tutti i prodotti, suddivisi per ‘zona’, suddivideteli ancora per ‘forma’e ‘fragilità’: come dicevo sopra, scoprirete che non sono poi tanti i prodotti che vanno protetti.

Un tubetto di fondotinta non si romperà molto facilmente (ma non va comunque sottoposto a grande pressione e bisogna fare attenzione che non si apra).

Anche le matite tendono ad aprirsi (e quindi le punte poi si rovinano e sporcano dappertutto): io le ho raggruppate e fermate con elastici e poi inserite in una scatolina.

Idem i pigmenti: meglio inserirli in una scatola ben chiusa, al cui interno è anche possibile mettere uno strato sottile di gommapiuma per attutire i colpi che di solito causano l’apertura.

Le palette invece vanno protette benissimo: io le ho inserite in buste di pluriball e poi ho  bloccato il tutto con elastici.

I rossetti: se usate gli stick, potete metterli in una bustina trasparente; eventualmente sempre con gli elastici, separateli per finish e/o tipologia di colore.

I prodotti mono in polvere o crema e altri prodotti piatti, compatti o di piccole dimensioni possono essere inseriti in una scatola con separatori.

Valutate quindi di cosa avete bisogno: pouch trasparenti e morbide o scatole rigide? Qualche idea potreste trovarla da MAC, Make up for ever, Cantoni, Sephora, Zoeva sul sito Douglas, Zoeva, Shaka (per esempio a me piace questo, questo e possiedo già questo che però uso a casa; non si capisce dalla foto ma si srotola e internamente le tasche sono trasparenti).

Possiedo anche la scatola in questa foto, anche se ora non è assolutamente così che l’ho organizzata, ma è giusto per farvi capire le potenzialità (è di Cantoni).

cantoni

Scatola Cantoni

Potreste anche trovarvi, per comodità, ad affiancare le matite occhi a quelle labbra, le palette dei blush a quelle occhi, i prodotti mono per viso a quelli per occhi e via discorrendo. L’importante è che sia tutto separato secondo una logica.

Quando dovrete preparare la postazione, inoltre, sarà opportuno ricoprire la superficie di lavoro con un telo, sia per proteggerla da graffi e macchie, sia perchè sarà più facile gestire i prodotti: spesso tendono a rotolare se le superfici sono liscie, oppure, se non sono a tinta unita, si confondono con i disegni. Potete procurarvi degli scampoli nei negozi di tessuti oppure cercare nei negozi di biancheria per la casa, Ikea etc. Consiglio ovviamente una tinta unita, meglio se molto scura oppure bianca (per poterla candeggiare) delle dimensioni di un normale asciugamano.

9) LUCI

Passiamo a un discorso spinoso.

Era da tempo che volevo affrontare questo argomento perchè, sui vari gruppi facebook di appassionate di makeup, leggo spesso di ragazze che chiedono come possono fare per avere un’illuminazione adeguata.

Anzitutto, se ne avete bisogno per una postazione fissa, per esempio a casa, nella vostra cameretta, va benissimo cercare una soluzione economica, sistemando faretti e specchi comprati da Ikea o Leroy Merlin. In fondo chi non ha un fidanzato, un amico o il papà appassionato di bricolage che possono montare per noi queste soluzioni, fatte apposta per queste situazioni?

MA se ne avete bisogno per lavoro, per il vostro studio o addirittura da portare in giro, e volete fare qualcosa di esteticamente gradevole, sinceramente mi spaventa un po’ chi dice “me lo faccio da me”.

Innanzitutto penso sia abbastanza pericoloso cercare di assemblare componenti elettriche non create appositamente per questo scopo: è facile sbagliare, calcolare male, non conoscere una determinata legge (intesa sia come normativa sia come legge fisica) che possano portarci a fare un errore FATALE.

Sì, perchè con l’elettricità non si scherza: basta un filo scoperto e prendi la scossa. E anche se non si muore, vi assicuro che non è piacevole (mi è successo da bambina).

Inoltre, una postazione portatile è fatta appunto di specchi e luci (=lampadine), cioè elementi fragilissimi: siamo sicuri di voler provare a costruire da noi, dilettanti alle prime armi, una cosa del genere?

Io personalmente ho fatto una scelta diversa, ed infatti uso questo specchio e ve lo consiglio caldamente!!

mw01_tsk_specchio_multiuso_trasportabile_cover_inclusa_cantoni_7

Specchio Cantoni

 

Anzitutto ha luci neutre a led, le lampadine non si scaldano e sono inserite in modo che non siano assolutamente esposte agli urti.

Inoltre è fatto in modo che sia possibile sia appoggiarlo su un piano, regolandone anche l’inclinazione, sia appenderlo a una parete. E’ dotato di una custodia leggera ma pratica e robusta.

Ogni volta che ho un lavoro in cui non so che tipo di luci troverò, lo porto con me, anche se devo muovermi coi mezzi. Non è super super leggero ma è fattibile.

10) In ultimo, affrontiamo il tema: TRUCCARE E FARSI TRUCCARE.

Provare a farsi truccare, prima ancora di provare a truccare qualcnuo, è FONDAMENTALE: per sapere come mettere le mani letteralmente in faccia alla gente, bisogna anzitutto passare per questo step, per capire cosa si prova a farsi truccare da persone inesperte, in modo da trovare il proprio metodo per non dare fastidio o addirittura fare male, ma anche per capire COME ottenere un certo risultato senza prima fare errori catastrofici che ti obblighino a ripartire da capo e buttare un’ora di lavoro.

Se non avete mai fatto un corso di makeup serio forse non vi è mai capitato di farvi truccare da un non professionista, ma forse vi sarà capitato di farvi truccare in profumeria o posti simili, o in altre situazioni, (si presuppone) da un MUA.

Provate a pensarci: cosa (non) vi è piaciuto, sia del risultato finale sia delle sensazioni provate durante la sessione? Era invadente? Parlava troppo, o troppo poco?

Com’era il suo tocco? Delicato o un po’ violento? I pennelli erano puliti e morbidi? La postazione era pulita e in ordine, i prodotti erano in buono stato?

Com’era il suo aspetto, curato o trasandato? Aveva l’alito cattivo?

Ha ascoltato le vostre indicazioni o ha fatto di testa propria? Ha proposto prima di procedere o ha scelto per voi?

Ovviamente non esistono dei metodi per misurare questi aspetti: è tutto veramente molto soggettivo e variabile a seconda della situazione e anche dalla “geografia”. Magari a Napoli ci si aspetta di trovare un MUA più affabile e chiacchierone e a Milano uno un po’ più freddo…e ciò che può dare fastidio a una persona può essere accettabile per un’altra.

Il segreto è capire dove ci si trova, chi si ha di fronte, che obiettivo ha e cosa bisogna fare. Chiaramente tutto questo deve comunque accordarsi con quello che è il NOSTRO obiettivo: se per esempio ci troviamo a truccare in un punto vendita, dobbiamo metterci poco tempo e cercare di vendere, e molto probabilmente il tipo di look ci viene imposto dalla nostra maison; se siamo ad una sfilata, non ha assolutamente nessuna importanza se alla modella non piace un certo colore o altro, e il look è certamente deciso da altri.

Nel primo caso, pur cercando di rimanere nei tempi, possiamo provare a stabilire una relazione con la cliente, in modo da farla sentire a suo agio e benvenuta, avere la sua fiducia ed essere convincenti nella proposta di vendita (sempre facendo riferimento però a quanto ci ha detto riguardo le sue esigenze e i suoi gusti); nel secondo caso, con la modella si parla il meno possibile e si procede spediti.

Al contrario, se stiamo truccando una sposina, dobbiamo sicuramente calibrare ogni aspetto del nostro lavoro; a seconda che sia solo una prova o che sia il giorno delle nozze, dobbiamo assicurarci di avere un comportamento consono, misurare le parole e il tono di voce, non essere troppo agitati, infonderle sicurezza, ascoltarla, essere propositivi.

Riguardo invece la delicatezza del tocco e dei pennelli, su questo io personalmente non transigo: basta veramente poco per far male e basta anche poco per assicurarsi che non stia accadendo. Io per esempio chiedo sempre: “Faccio male? Dimmi se senti un fastidio qualsiasi”. Questo perchè ovviamente può capitare che un pennello, a furia di lavarlo, diventi un po’ ispido senza che io me ne accorga.

Bisogna inoltre sapere come fare per applicare bene la matita sull’occhio senza fare male, come applicare la crema senza che sembri che stiamo dando la palta con la cazzuola e tante altre cose.

Sono aspetti che non è facile affrontare in un post, dal vivo ad un corso è sicuramente più facile simulare un incontro di lavoro per capire in cosa migliorare.

Bene ragazze e ragazzi, con questo credo sia proprio tutto (no, non lo è affatto!! Ma non posso superare le 3000 parole!!). Spero vi siano piaciuti questi 3 post, fatemelo sapere!

(Leggi anche il primo e il secondo!)

Annunci

10 trucchi per ottenere l’effetto WOW dal tuo mascara

mascara colorati shaka

Una delle domande che mi fanno più spesso le mie clienti e amiche è: vale davvero la pena spendere 25, 30 euro per un mascara di marca o ci si può accontentare di uno più economico?

In genere rispondo che se per alcuni tipi di prodotto mi trovo benissimo Continua a leggere

11 consigli per venire bene in foto

Questo post è stato diviso in due sezioni (leggi la seconda) in quanto molto articolato e complesso in termini di contenuto testuale e foto :))

###

“Come fare per venire bene in foto?” è la domanda che mi fanno più spesso amiche e clienti.

[E prima che mi diciate che anche Michelle Phan ha parlato di un argomento simile vi dico sì è vero, e questo è il suo post (un video in realtà), ma noterete molte differenze.

Anzitutto il suo è su come realizzare foto di se stessi, da soli (i cosiddette selfie, o semplicemente autoscatti), con uno smartphone. Io invece Continua a leggere

S. Valentino 2013: idee e oggetti da regalare/farsi regalare/regalarsi (puntata 13)

IDEA 13) APPASSIONATA DI MAKEUP? ALTRI SUGGERIMENTI

Se la vostra lei è un’amante di H&M oppure si sta avvicinando al makeup e non volete partire con qualcosa di troppo costoso, potete optare per uno o più di queste prodotti:

Se poi come me ama i panda (ok non centra nulla ma era troppo bello):

cover iphone HM (panda)

cover iphone HM (panda)

Torna all’IDEA 12

Vai all’IDEA 14

S. Valentino 2013: idee e oggetti da regalare/farsi regalare/regalarsi (puntata 12)

IDEA 12) APPASSIONATA DI MAKEUP? C’E’ LA LINEA DI PENNELLI LOVE THERAPY

E non solo pennelli: anche spugnette, orecchini, elastici, mollette…



Disponibili in esclusiva presso le Profumerie La Gardenia
Prezzi

Pennello Eye liner €7,90
Pennello labbra €7,90
Pennelli_kit €9,90
Pennello correttore € 9,90
Pennello fard € 9,90
Pennello ombretto € 9,90
Pennello cipria € 14,90
Pennello fondotinta € 14,90
Pennelli trousse €21,90
Puff x 2 € 4,90
Spugna ovale € 4,90
Spugna tonda € 4,90

Orecchini stellina € 7,90
Orecchini bottone € 7,90
Orecchini cuore € 7,90
Orecchini natura € 7,90
Oreccini pallina € 7,90
Orecchini zip € 7,90

Pochette rettangolo €7,90
Pochette quadrata €10,90
Cuffia doccia € 7,90
Piastra € 9,90
Phon € 14,90

Torna all’IDEA 11

Vai all’IDEA 13

S. Valentino 2013: idee e oggetti da regalare/farsi regalare/regalarsi (puntata 10)

IDEA 10) Rendila ancora più bella!

Le-Golden-Finger-di-Shiseido_oggetto_editoriale_thumb

Multi-Micro-Sensor_oggetto_editoriale_thumb
Rendila più bella o anche più rilassata prenotando a nome suo uno di questi eventi:

Dal 12 al 25 febbraio tornano a Milano per l’evento Tokyo Beauty Lab le Golden Fingers di Shiseido. Al quinto piano di La Rinascente di piazza Duomo all’interno di uno spazio di 150 mq infatti ci saranno sei cabine dove le beauty artist di Tokyo coccoleranno le clienti con RX Massage, un trattamento stimolante, rivitalizzante e antietà della durata di un’ora eseguito su viso, collo e décolleté che mixa riflessologia, shiatsu e digitopressione.

Pelle perfetta e trucco. Inoltre si potrà provare in anteprima Bio-Performance Advanced Super Restoring Cream, trattamento che in sette giorni rassoda, rimodella e leviga le rughe, ricevere un’analisi personalizzata della pelle con Multi-Micro-Sensor o un trucco su misura realizzato dai makeup artist Shiseido con i prodotti della nuova collezione PE 2013 prendendo spunto dai look creati da Dick Page, direttore creativo della maison.

Prenotazioni: 342 6433066 begin_of_the_skype_highlighting            342 6433066      end_of_the_skype_highlighting o 349 8528394 begin_of_the_skype_highlighting            349 8528394      end_of_the_skype_highlighting.

Dopo Milano le Golden Fingers proseguiranno il loro tour in alcune delle più esclusive profumerie italiane.

Dal 25 febbraio al 2 marzo
Genova, Profumeria Sbraccia, via Cipro 28R, prenotazioni 010 564882 begin_of_the_skype_highlighting            010 564882      end_of_the_skype_highlighting.
Padova, Profumeria Beghin, via Zabarella 83/91, prenotazioni 049 8751818 begin_of_the_skype_highlighting            049 8751818      end_of_the_skype_highlighting.
Genova, Profumeria Sbraccia, via Ceccardi 37, prenotazioni 010 4217097 begin_of_the_skype_highlighting            010 4217097      end_of_the_skype_highlighting.
Bologna, Profumeria Douglas, via Fossalta 3C, prenotazioni 051 6486332 begin_of_the_skype_highlighting            051 6486332      end_of_the_skype_highlighting.

Dal 4 marzo al 9 marzo
Torino, Profumeria Camurati, piazza Adriano 1, prenotazioni 011 4334286 begin_of_the_skype_highlighting            011 4334286      end_of_the_skype_highlighting.
Torino, Profumeria Camurati, via De Sonnaz 13, prenotazioni 011 5613838 begin_of_the_skype_highlighting            011 5613838      end_of_the_skype_highlighting.
Bari, Profumeria Pepe, via Abate Gimma 62D, prenotazioni 080 5235580 begin_of_the_skype_highlighting            080 5235580      end_of_the_skype_highlighting.

Dall’11 marzo al 16 marzo
Messina, Profumeria Brancato, via Garibaldi 373A, prenotazioni 090 53069 begin_of_the_skype_highlighting            090 53069      end_of_the_skype_highlighting.
Messina, Profumeria Brancato, viale San Martino 131, prenotazioni 090 2934912 begin_of_the_skype_highlighting            090 2934912      end_of_the_skype_highlighting.
Agrigento, Profumeria Interlandi, via Gioeni 7, prenotazioni 0922 596087 begin_of_the_skype_highlighting            0922 596087      end_of_the_skype_highlighting.
Agrigento, Profumeria Interlandi, via Atenea 6, prenotazioni 0922 553635 begin_of_the_skype_highlighting            0922 553635      end_of_the_skype_highlighting.

Prezzo: è gratuito!

Torna all’IDEA 9

Vai all’IDEA 11

S. Valentino 2013: idee e oggetti da regalare/farsi regalare/regalarsi (puntata 7)

IDEA 7) Accessori per un suono “hi-tech”

Se il vostro lui o la vostra lei è un amante del bello e del tecnologico quanto il mio fidanzato sicuramente apprezzerà una di queste proposte:

a) Cuffie Alfa: soprattutto se avete a che fare con un alfista (il mio moroso lo è)
cuffie

b) Cuffiette Bose (no, mi dispiace, il figone non è incluso nella confezione): soprattutto per gli sportivi o per quelli che viaggiano molto. Disponibili arancioni e verdi
007_SIE2i_rgb

Bose, Edwin,

Bose, Edwin

c) Soluzioni ‘domestiche’: per i puristi del suono. In pratica per quei fidanzati rompy (come il mio, che ve lo dico a fà?) che ogni volta che si decide di guardare un film con grandi effetti visivi e sonori, passa le ore a settare TV e hometheatre (facendoti perdere un’ora di film – santo mySKY).

Le soluzioni sono 2: gli speaker wireless Soundlink e il sistema Solo

006_slbms_prm_rgb

003_slbms_std_rgb

006_bose_solo_cmyk

003_bose_solo_cmyk

Di seguito incollo i comunicati stampa per completezza:
Cuffie Alfa

Grazie alla collaborazione con AutoWave®, brand di accessori altamente tecnologici ispirati dalla passione per i motori e le quattro ruote, Alfa Romeo allarga la propria gamma licenze con un’elegante linea di prodotti lifestyle che rinforza il legame di ogni driver con la propria auto.

Disegnata in collaborazione con il Centro Stile Alfa Romeo, questa collezione di dispositivi audio per iPod, iPhone e iPad è sinonimo di forza ed eleganza e presenta in ogni suo modello i caratteri essenziali tipici delle vetture: spirito, dinamismo, Italian Style, efficienza e tecnologia avanzata.

Le cuffie – o headphones – prendono spunto dalla Giulietta e sono caratterizzate da un look grintoso che riproduce fedelmente alcuni dettagli dell’auto: il jack richiama le candele inserite nel motore, la parte esterna dei padiglioni invece ricorda il tappo in alluminio del serbatoio del carburante, mentre il logo ricamato sulla fascia in pelle replica il poggiatesta dei sedili. Infine il controller con i comandi riprende fedelmente la calandra.
A livello tecnico, gli headphones Alfa Romeo hanno una risposta di frequenza pari a 20 – 20,000 Hz, una sensibilità di 99dB e un’impedenza di 32 Ohms.
Bianco, Nero e Rosso Alfa sono le versioni colore disponibili.

Prezzo: circa 90 € (acquistabili solo online sul sito http://www.autowave.com)
————————————————————————————————————-


PER CHI AMA ASCOLTARE LA MUSICA WIRELESS, BOSE PRESENTA SOUNDLINK® AIR E SOUNDLINK® BLUETOOTH® MOBILE II

Bose presenta due nuovi speaker wireless della serie SoundLink: il Sistema musicale digitale SoundLink® Air, il primo prodotto Bose compatibile con Apple AirPlay, e il SoundLink Mobile II Bluetooth, un aggiornamento dell’originale SoundLink Mobile lanciato nel 2011. Che si tratti di musica in streaming attraverso una rete wireless domestica o da un device mobile collegato con la tecnologia Bluetooth, con i nuovi prodotti Bose sarà sempre possibile ascoltare la propria musica preferita con un suono chiaro e potente e senza bisogno di docking, fili o cavi.
“Abbiamo sempre creduto che la comodità della musica in streaming debba essere associata a una performance acustica superiore”, ha detto John Roselli, direttore di Bose Product Marketing. “E i nuovi SoundLink Air e SoundLink Mobile II permettono di ottenere una riproduzione audio migliore sia attraverso AirPlay che tramite la tecnologia Bluetooth”.
Prestazioni incredibili e compatibilità con AirPlay
Il nuovo SoundLink Air è un sistema wireless che riproduce la propria musica da iPad, iPhone, iPod touch o la libreria iTunes dal proprio computer attraverso la tecnologia AirPlay di Apple e la rete Wi-Fi®. Il sistema SoundLink Air non richiede alcuna docking, per mantenere il pieno controllo dei propri device – navigare sul web, scrivere o effettuare chiamate – mentre si ascolta la propria musica con prestazioni audio eccezionali per un sistema di queste dimensioni.
Il sistema SoundLink® Air è progettato per una performance ottimale: incorpora la celebre tecnologia proprietaria Bose per speaker a guida d’onda, trasduttori al neodimio e il sistema di gestione del segnale digitale per raggiungere un suono dettagliato e pieno, su tutte le frequenze e a ogni volume. La musica è riprodotta in maniera accurata, chiara e naturale, senza distorsioni.
L’installazione è immediata, basta connettere il SoundLink Air a un computer usando il cavo USB incluso, andare su Bose.com/wifisetup e, dopo aver completato pochi semplici step, il sistema SoundLink Air si connetterà alla propria rete Wi-Fi®. Una volta completata la prima installazione, un’icona AirPlay apparirà automaticamente sul proprio device Apple o su un Mac o PC sul quale è presente iTunes. Seleziona l’icona e la musica sarà istantaneamente trasmessa attraverso il SoundLink Air.
È possibile controllare le funzioni base del sistema direttamente dal proprio device Apple o utilizzando il telecomando a infrarossi del SoundLink® Air. Sono inoltre presenti una porta aux-in per la connessione ad altri device audio e una batteria opzionale ricaricabile al litio per una maggiore libertà – per un ascolto senza interruzioni.
Il SoundLink Bluetooth Mobile Speaker II
Introdotto inizialmente nel 2011, il SoundLink Mobile ha velocemente ridefinito la categoria delle casse Bluetooth. Progettato per funzionare con apparecchi che sfruttano questa tecnologia – iPhone, iPad, smartphone Android o altri tablet – il SoundLink è stato apprezzato a livello globale per performance audio, mobilità e robustezza.
Grazie a una nuova tecnologia, il SoundLink Mobile II innalza gli standard raggiunti dall’originale e offre una resa audio ancora migliore: il suono è più accurato e realistico, ma questo non aumenta la dimensione fisica del prodotto, grazie ai nuovi trasduttori al neodimio e a un algoritmo aggiornato. Il nuovo SoundLink Mobile riproduce bassi ancora più profondi e permette una maggiore chiarezza e definizione del suono sulle alte e medie frequenze.
Il nuovo SoundLink Mobile II include una cover protettiva di pelle o nylon, che serve anche per sostenere il prodotto in posizione verticale. Connettere il SoundLink è facile quanto girare la cover e abbinarlo al proprio smartphone, tablet o qualsiasi dispositivo dotato di tecnologia Bluetooth. I sei device usati più recentemente sono registrati in memoria, eliminando il bisogno di associarli nuovamente al sistema. La musica può essere trasmessa in streaming anche mentre si scrive, manda una mail o naviga sul web. E il sistema si spegne semplicemente chiudendo la cover.
Disponibilità
SoundLink® Air e SoundLink® Mobile II sono disponibili da oggi presso i negozi Bose, sul sito bose.it e presso i rivenditori autorizzati.
Il nuovo SoundLink® Air è disponibile al prezzo di €349.95, mentre la batteria al litio ricaricabile è venduta separatamente al prezzo di €99.95.
Il SoundLink® Mobile II è presentato in versione standard con cover in nylon grigio scuro, al prezzo di €299.95, oppure nell’edizione premium con cromature e cover in pelle marrone scuro al prezzo di €349.95. Le cover in nylon (rossa o blu) e pelle (nera o testa di moro) sono disponibili separatamente al prezzo di €29.95 e €49.95.

————————————————————————————————————-

NUOVI AURICOLARI BOSE SIE2 E SIE2i
Disegnati per lo Sport!

Bose presenta gli auricolari SIE2 e SIE2i, i primi specificatamente progettati per lo sport.

Entrambi i modelli garantiscono performance senza pari, combinando un audio d’alta qualità a una maggiore stabilità, resistenza all’acqua e al sudore e durata nel tempo – tutto in un design ispirato allo sport e fatto per gli sportivi: da chi ama la palestra ai corridori più ambiziosi. Per un ulteriore comfort, entrambi i modelli includono una fascia per il braccio Reebok®, che assicura stabilità ai telefoni cellulari e ai lettori musicali digitali.

Le cuffie Bose SIE2 possono essere usate con la maggior parte dei lettori musicali, mentre le cuffie SIE2i sono progettate esclusivamente per ascoltare musica e ricevere chiamate da device Apple, come iPhone e iPod. Il telecomando in-line e il microfono SIE2i assicurano un accesso facile ai comandi vocali dell’iPhone e permettono di regolare il volume e navigare fra la musica.

“Molti amanti del fitness considerano gli auricolari o le cuffie una parte fondamentale della loro attrezzatura per lo sport”, spiega Sean Garrett, vice presidente del Bose Noise Reduction Technology Group. “La musica può aiutare a massimizzare la performance, ma scendere al compromesso di utilizzare cuffie sportive standard può interferire con l’esercizio fisico. Così, abbiamo progettato tutti gli elementi della SIE2 e SIE2i pensando agli atleti e selezionando accuratamente i materiali, i metodi di fabbricazione e gli elementi del design senza per questo sacrificare la performance audio”.

Suono potente e resistenza in tutte le situazioni
Le cuffie SIE2 e SIE2i sono fabbricate con l’esclusiva tecnologia acustica Bose TriPort®, per assicurare un suono pieno e bilanciato. Indipendentemente dal genere musicale, la musica viene riprodotta con morbidezza e realismo, gli strumenti sono più dettagliati e definiti, e non c’è alcuna “spinta” per tutta la gamma di frequenza; le note basse sono profonde e potenti, e le frequenze medie e vocali sono udibili in maniera nitida.

I cavi delle cuffie SIE2 e SIE2i sono stati costruiti ricercando resistenza e flessibilità, tipiche per l’uso quotidiano. Le cuffie hanno anche gli altoparlanti posizionati in modo da resistere al sudore e all’acqua, e sono ricoperti da un rivestimento idrorepellente che non permette il passaggio di umidità durante la trasmissione del suono. Inoltre il microfono e il telecomando in-line inclusi con le SIE2i hanno delle chiusure anti acqua e uno schermo protettivo per ridurre gli effetti del rumore del vento e dell’umidità.

Per garantire comfort su misura e stabilità, le cuffie SIE2 e SIE2i includono i supporti Bose® StayHear® (nelle misure Small, Medium, Large) che si adattano in modo pratico e stabile alla forma dell’orecchio, eliminando i fastidiosi punti di pressione e il bisogno di aggiustamenti continui. Il design specifico degli auricolari permette di ascoltare musica a volume d’ascolto moderato consentendo di percepire anche i rumori esterni, una caratteristica essenziale per chiunque si eserciti all’aperto.

Bose ha inoltre collaborato con Reebok per sviluppare una fascia da braccio esclusiva: contiene un telefono cellulare o un lettore mp3 durante tutto l’esercizio ed è costruita con un materiale traspirante che aderisce al corpo senza intralciare i movimenti. Grazie all’esperienza Reebok nell’abbigliamento sportivo, la fascia è regolabile, mentre una finestra trasparente e protettiva permette un controllo touch dei device compatibili. Così come il cavo delle cuffie è più corto e resistente, la fascia da braccio è stata costruita per non intralciare il movimento in modo che l’atleta possa concentrarsi sull’attività che sta svolgendo. Nel caso fosse necessario, un cavo più lungo, nella confezione è inclusa una prolunga.

Le nuove cuffie SIE2 sono disponibili nei negozi Bose, su http://www.Bose.it e presso i rivenditori Bose autorizzati nella colorazione verde a € 119.95.
Le nuove cuffie SIE2i sono disponibili in verde o arancione al prezzo di €149.95 ciascuna.

————————————————————————————————————-


BOSE® ANNUNCIA IL SISTEMA “SOLO”

Solo uno speaker e un cavo: grazie all’emozione dell’audio, guardare la televisione sarà un’esperienza completamente diversa
Bose annuncia il sistema Solo, il complemento ideale per la maggior parte delle TV, che assicura una esperienza d’ascolto del tutto nuova. Bose Solo migliora notevolmente la resa dei dialoghi e della musica, aumentando il coinvolgimento delle scene d’azione e degli effetti audio dei programmi di tutti i giorni: documentari, film, fiction e serie TV…
Il nuovo sistema Bose Solo regala un suono preciso, ampio ed equilibrato grazie al meglio della tecnologia Bose, con un suono nitido e naturale anche a basso volume per sentire sempre bene in ogni situazione.
“Nel corso degli anni la qualità dell’immagine TV è migliorata, ma quella dell’audio è rimasta la stessa”, afferma Doug Lankford, Direttore dell’Home Theater Product Marketing di Bose. “Il sistema Bose Solo è stato creato per chi ama guardare la TV ma non vuole un sistema home theater. Basta un primo ascolto per scoprire un suono di qualità e apprezzare ancora di più i propri programmi preferiti”.
Bose Solo è un sistema compatto che misura circa 7 cm in altezza, 52 cm di larghezza e 30 cm di profondità. Funziona con qualsiasi televisore e può essere alloggiato direttamente sotto le televisioni flat con schermi fino a 32 pollici e con molti televisori fra i 40 e i 42 pollici.
L’installazione e l’uso sono semplici, Bose Solo si connette al televisore utilizzando un unico cavo e una spina per l’alimentazione, senza ulteriori cavi o configurazioni particolari. La confezione include un telecomando, ma il sistema può essere controllato con la maggior parte dei telecomandi universali.
“Crediamo che quanti sceglieranno Solo decideranno di utilizzarlo ogni giorno”, conclude Lankford. “Non si tratta di un prodotto da utilizzare solo in occasioni speciali o per le serate a base di film, e questo è quello che lo rende così entusiasmante. Ogni volta che si guarda la TV, Solo offre un’esperienza sonora eccezionale, con tutta la qualità Bose”.
Disponibilità
Il Bose Solo TV system è disponibile su Bose.it, presso i negozi Bose e i rivenditori autorizzati ad un prezzo consigliato di € 399. Per ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito http://www.bose.it.

Torna all’IDEA 6

Vai all’IDEA 7

Stai usando il pennello giusto?? (Analisi pennelli #2 – generico)

 

[scroll down for English release]

Grazie alla segnalazione di Katjusa (che a sua volta ha tratto ispirazione da quest’altro blog) ho finalmente trovato lo spunto che cercavo da tanto per parlare di pennelli in maniera più articolata rispetto al post sui pennelli da fondo.

Nelle immagini qui sotto trovate quindi una panoramica dei pennelli più comuni con le descrizioni.

(Dove ho potuto ho mantenuto la didascalia originale (in inglese) e ho aggiunto quella in italiano. Nell’ultima trovate l’immagine originale completa. Cliccate per ingrandire le immagini e leggere tutto).

Ovviamente esistono mille altre varianti. Mancano per esempio il kabuki, il piatto da sfumatura (vedi mac 217 ad esempio), quello da blush con taglio angolato e molti altri, più o meno necessari…ma diciamo che con un set del genere ci si può fare comunque un bel lavoro!

Inoltre non tutti rispettano pedissequamente le indicazioni qui date dal produttore (Zoeva, se non erro).

Per esempio ho un pennello simile all’E40, un po’ più grande, che uso anche per il contouring o la cipria, a seconda di come mi gira. L’E65 e l’E05 li uso anche per le labbra.

Certo, dipende anche dalle vostra capacità; inoltre, se si parla di strumenti di lavoro, è necessario avere questi (o per lo meno alcuni) pennelli in quantità, perchè se capita (e capita) di truccare più di una persona al giorno, non si può certo aspettare di lavarli e asciugarli…

E voi, che ne dite? Vi si sono chiarite le idee? Avete domande? In caso, sono qui per voi!

A presto!

[scroll down for English release]

Thanks to Katjusa (who saw the picture here) I’ve finally found what I was looking for…an image that helped me to talk about brushes in a more general manner than I did in this post, and that could point out the overall use of the most used ones.

Pics below: overview of the most common and captions.

(Click to enlarge).

Of course there are many many more.

E.g. we dont see kabuki, the flat blending one like mac 217, the one for blusher with an angled cut, and others, more or less important…but let’s day that with a similar kit we can get a good job!

Moreover, many MUA/MU addicted dont use brushes like this (captions given by the manufacturer, Zoeva, if I’m not wrong).

E.g. I’ve got a brush similar to E40, a bit larger maybe, that I use also for contouring or loose powder, it depends on the day. And E65s, E05s, I use them also for lips.

Sure, it depends on your skills, and, if you’re a MUA, you need much more than this, at least a bigger quantity (at least for some of them), because if you need to makeup more than one person in a day (and of course it happens most of the time!), you cant wait to wash and dry them!

What do you think? Do you agree? Should you have any questions, feel free to ask!

See you soon!

 

Fai la tua domanda a Rajan Tolomei (MUA di Max Factor)

Ciao ragazze!

Ho realizzato solo ora…

Comincio dal principio:

nei mesi scorsi ho partecipato già a due incontri con Rajan e siccome sabato 7 luglio avremo modo di rivederlo, ho pensato che sarebbe carino se ognuna di voi mi lasciasse una domanda da porgli.

Ovviamente non potrò fargliele tutte ma sicuramente selezionerò quelle che mi sembrano più rilevanti e se avrò modo sarò felice di raccogliere le sue risposte e riportarle qui.

Cosa ne dite??

Avanti, fatevi sotto, è un’occasione più unica che rara!! :DDD

(lasciate le domande come commento a questo post)

Si ringrazia Robyberta per la foto in cima al post!

Tutto quello che volete sapere sui capelli! (all about hair #2)

Ciao ragazze,

eccomi finalmente con un nuovo post.

Vi voglio raccontare di un’importante novità…ma andiamo con ordine:

come sapete oltre che di makeup sono appassionata anche di hairstyle, dunque qualche mese fa ho contattato un’azienda che tiene corsi professionali per parrucchieri e ho partecipato ad alcune giornate formative.

Ho imparato davvero un sacco di cose interessanti…quindi ho pensato che d’ora in poi se avete qualche domanda in merito, potete lasciarla fra i commenti a questo post e io cercherò di rispondervi. Laddove non sarò in grado di farlo io personalmente, i trainer di questi corsi si sono detti disponibili a darvi le loro dritte. E vi assicuro che è gente dalle MANINE D’ORO!!

“Che tipo di domande?” vi starete chiedendo.
Tutte, da come risolvere un problema di colore, a come fare una piega particolare in casa, a che tipo di taglio potrebbe starvi bene, a consigli su piastre, ferri, strumenti a uso professionale o domestico in genere.

L’importante è che documentiate il più possibile le vostre richieste.

Se per esempio vi interessa scoprire il colore adatto a voi, mettete un link a qualche foto, o diteci se avete un problema di ricrescita veloce.
O per il taglio, diteci se preferireste qualcosa di scalato o meno, se con o senza frangia o ciuffo.

Periodicamente, sceglierò una domanda o un gruppo di domande cui dare risposta, in un post a parte.

Quindi vi suggerisco di iscrivervi al blog per ricevere la notifica di un nuovo post su questo tema.

Ringrazio sin d’ora la Bio Euro Academy che mi supporterà in questo progetto.

Nelle foto qui sotto mi vedete come modella in alcuni momenti della giornata di ieri, su di me si sono divertiti a fare 3 tipi di effetti diversi nell’ambito della stessa piega :D; in altre ci sono foto di altre giornate in cui sono stati provati vari tipi di trattamento: colore organico, trattamenti liscianti delicati, tagli e pieghe particolari.

Non ho messo le didascalie perché ci vorrebbe troppo, ad ogni modo se avvicinate il puntatore alle foto potrete vederne il titolo; se avete domande sono qua :D

Nota: nelle foto vedete anche Carmen, che mesi fa ha fatto il trattamento lisciante, con splendidi capelli lisci e sani, a riprova della qualità di questo prodotti.
Inoltre in una vedete il dettaglio di un occhio, si è fatta truccare dalla sottoscritta ;))))