Informazioni su Ilaria Makeup Personal Shopper

Makeup artist and 1st Makeup personal shopper, Beauty blogger. Keen on makeup, pets, reading, cinema and Marie Kondo method.

10 segreti dei makeup artist (terza e ultima parte)

Ciao ragazze e ragazzi,

eccomi con un altro post: ho in realtà semplicemente suddiviso in modo diverso gli argomenti per rendere gli articoli più fruibili e leggibili.

In questa sezione vedrete suggerimenti su argomenti come:

lo STRUCCAGGIO

l’ORGANIZZAZIONE e il CONTENUTO della POSTAZIONE e del TROLLEY

le LUCI

l’importanza di farsi truccare per IMPARARE A TRUCCARE.

7) STRUCCAGGIO: oggi per struccarci abbiamo veramente l’imbarazzo della scelta. Dal caro vecchio latte detergente siamo passati ai bifasici e anche agli olii vegetali, ottimi per chi ama i prodotti ecobio (anche se spesso creano problemi di untuosità varie lasciate su federe di cuscino ehheheeh). Io sinceramente faccio poco uso di questi prodotti, mi capita giusto se mi sono truccata con cose molto particolari, grasse e resistenti, come può capitare ad Halloween. (In quei casi l’olio vegetale -in realtà anche quello di origine minerale, di solito a base di paraffina- è ottimo perchè scioglie le componenti adesive che possono avere accessori posticci e makeup strani come quelli che si usano per queste feste, senza tirare la pelle e fare male).

Se siete delle appassionate doc saprete anche che negli ultimi anni c’è stata l’esplosione delle acque micellari, ma forse non sapete come mai, spesso, guardando foto di backstage di sfilate o set, sui desk dei truccatori si vede, nel 99% dei casi, la micellare Bioderma.

biodermauff

Bioderma è stata la casa che ha inventato questa soluzione miracolosa ed è talmente buona, sia in termini di efficacia, sia in termini di delicatezza su tutti i tipi di pelle, che praticamente TUTTI i truccatori fanno affidamento a questo brand per quanto riguarda la detersione. Come si suol dire, è proprio un MUST HAVE. Tra l’altro credo anche che sia l’unica casa ad aver pensato a una micellare per pelli miste/grasse a tendenza acneica. Inoltre, esistono entrambe in 3 formati: da 100ml, perfetta da provare e anche da portare in viaggio o nel trolley da lavoro (con questo flaconcino minuscolo si struccano decine e decine di persone), da 250ml, un po’ più grande ma ancora comodo per viaggiare, e il 500ml, secondo me poco pratico per gli spostamenti ma perfetto per casa e sicuramente molto più economico! Sappiate inoltre che spesso nelle farmacie/parafarmacie si trovano delle promozioni, ad esempio due flaconi da 500ml al prezzo di uno, oppure con 2 prodotti c’è in regalo quella da 100ml. I prezzi, secondo la mia esperienza, sono all’incirca: 3/4€ per il 100ml; 15€ per il 250ml; 18€ per il 500ml.

Se siete nuove in questo settore, vi consiglio quindi di farne scorta e di portarla sempre con voi sui set. Le persone del settore sanno di cosa si tratta ed è un po’ un must have che vi permette di identificarvi subito come professionista, esattamente come potrebbe essere un prodotto MAC.

8) ORGANIZZAZIONE:

Per quanto riguarda l’organizzazione, invece, se siete MUA alle prime armi o semplicemente vi piace truccare le amiche, è necessario sapere come suddividere i prodotti in modo che siano facili da trovare, pratici da riporre e protetti dagli urti.

Se ci pensate, per ogni fase bisogna usare tanti prodotti di forme e formati diversi, ed alcune presentano delle criticità, possono rompersi o aprirsi e provocare un danno difficile da sistemare. Diciamo però che le cose più delicate sono blush e ombretti, mono o in palette, e questi infatti andranno protetti benissimo.

Prendete dunque tutto quello che volete mettere nel trolley e dividete in questo modo.

Per la base avrete: creme viso e contorno occhi, fondotinta e correttori fluidi e/o compatti (flaconi di vetro o tubetti di plastica o pack tondi in cialda magari con specchio o in stick o in polvere libera o compatta), ciprie compatte o in polvere libera; blush mono o in palette; prodotti per il contouring in stick o palette, illuminanti in polvere/stick/tubetto/cialda/fluido/matita; struccanti (micellare inclusa), tonico/acqua di rose o termale, fixer, primer viso e occhi.

Per gli occhi: ombretti in polvere libera o in crema, mono, palette; mascara, eyeliner neri, colorati, glitterati, liquidi o in gel, matite e matitoni, prodotti per sopracciglia quali browkit, matite etc. Ciglia finte e colla.

Per labbra: rossetti e gloss; matite; prodotti in palette o cialde.

Accessori: temperamatite, piegaciglia, pennelli, spugnette, piumini; pinzette e forbicine, stencil per sopracciglia; portapennelli (rullo, tubo o cintura), barattoli portamatite, dischetti e cotton fiocc, veline; pettine o spazzola (li porto anche se non devo fare i capelli); forcine ed elastici per raccogliere i capelli mentre truccate (cioè per la cliente/modella ma anche per voi se serve). Eventualmente pensate anche a un pulisci pennelli ad azione rapida (o almeno che disinfetti).

Tutto ciò che è liquido, in crema non compatta o in polvere libera, se non serve nella quantità in cui viene venduto, si può pensare di travasarlo in flaconi o pot più piccoli (li trovate da Sephora, da Ovs, nelle parafarmacie ma spesso anche nei supermercati. Da MAC li trovate addirittura con il logo).

Questo vale per micellare e struccanti, acqua di rose, pulisci-pennelli, ciprie, pigmenti, blush. La micellare Bioderma e il Fix plus vengono venduti anche in formato travel size.

Per quanto concerne i pennelli, si usa generalemente fare questa associazione:

NATURALI PER LE POLVERI, SINTETICI PER LE EMULSIONI (tutto ciò che è cremoso o liquido). Questo perchè le setole naturali assorbono troppo le emulsioni (spesso si usano per sfumare, proprio perchè attirano gli eccessi di prodotto) mentre i sintetici non trattengono abbastanza le polveri. In realtà oggi esistono diversi tipi di fibre sintetiche e alcune simulano perfettamente quelle naturali. Inoltre non è detto che naturale sia per forza uguale a morbido, anzi; spesso le fibre naturali si consumano e diventano ispide, mentre quelle sintetiche sono più resistenti all’usura e anche più facili e veloci da lavare.

Tra i pennelli dovrete averne diversi delle seguenti tipologie:

-per fondotinta, sintetici: a lingua di gatto, cioè piatto, tipo il MAC 191, per applicare, e  un duofibre, tondo, per sfumare e uniformare (tipo il MAC 187, anche se io preferisco il 188, se non addirittura il 130, ancora più piccolo e compatto. La differenza sta nella resa finale: con il 188 e il 130 si ottiene maggiore coprenza e si possono raggiungere angoli ‘difficili’).

-per polveri viso e per illuminante: grandi e medi, a sezione tonda, sintetici o naturali

-per correttore ed eventuale contouring: medi e piccoli, tondi e piatti

-per sfumare sugli occhi, tipo MAC 217 e 224, piatti e tondi, naturali

-di precisione, tipo MAC 219

-per eyeliner, tipo 315 Zoeva

scovolini monouso per mascara, da sfruttare anche per sopracciglia (si possono comunque lavare e riciclare)

-per labbra: almeno uno per ogni persona da truccare; se saranno molte, optate per applicatori monouso. Esistono inoltre delle spatoline di plastica per prelevare piccole quantità di rossetto dagli stick per poterle poi lavorare a parte. Io uso spatola e piattino di MAC (palette) in acciaio, ma si potrebbero usare anche quelli in plastica per occhi.

11ba30266f8364de354c463fe47dab0e

-spugnette per tamponare il fondo e piumini per la cipria.

Vi suggerisco inoltre di portare anche una busta in cui mettere, man mano che li sostituite, i pennelli e tutti gli accessori sporchi. Una volta terminato il lavoro, sistemerete tutto al proprio posto e a casa dovrete solo tirare fuori la busta, lavarli e  quando saranno asciutti, rimetterli nel trolley: sarete già pronti per una nuova giornata.

Una volta che avrete sott’occhio tutti i prodotti, suddivisi per ‘zona’, suddivideteli ancora per ‘forma’e ‘fragilità’: come dicevo sopra, scoprirete che non sono poi tanti i prodotti che vanno protetti.

Un tubetto di fondotinta non si romperà molto facilmente (ma non va comunque sottoposto a grande pressione e bisogna fare attenzione che non si apra).

Anche le matite tendono ad aprirsi (e quindi le punte poi si rovinano e sporcano dappertutto): io le ho raggruppate e fermate con elastici e poi inserite in una scatolina.

Idem i pigmenti: meglio inserirli in una scatola ben chiusa, al cui interno è anche possibile mettere uno strato sottile di gommapiuma per attutire i colpi che di solito causano l’apertura.

Le palette invece vanno protette benissimo: io le ho inserite in buste di pluriball e poi ho  bloccato il tutto con elastici.

I rossetti: se usate gli stick, potete metterli in una bustina trasparente; eventualmente sempre con gli elastici, separateli per finish e/o tipologia di colore.

I prodotti mono in polvere o crema e altri prodotti piatti, compatti o di piccole dimensioni possono essere inseriti in una scatola con separatori.

Valutate quindi di cosa avete bisogno: pouch trasparenti e morbide o scatole rigide? Qualche idea potreste trovarla da MAC, Make up for ever, Cantoni, Sephora, Zoeva sul sito Douglas, Zoeva, Shaka (per esempio a me piace questo, questo e possiedo già questo che però uso a casa; non si capisce dalla foto ma si srotola e internamente le tasche sono trasparenti).

Possiedo anche la scatola in questa foto, anche se ora non è assolutamente così che l’ho organizzata, ma è giusto per farvi capire le potenzialità (è di Cantoni).

cantoni

Scatola Cantoni

Potreste anche trovarvi, per comodità, ad affiancare le matite occhi a quelle labbra, le palette dei blush a quelle occhi, i prodotti mono per viso a quelli per occhi e via discorrendo. L’importante è che sia tutto separato secondo una logica.

Quando dovrete preparare la postazione, inoltre, sarà opportuno ricoprire la superficie di lavoro con un telo, sia per proteggerla da graffi e macchie, sia perchè sarà più facile gestire i prodotti: spesso tendono a rotolare se le superfici sono liscie, oppure, se non sono a tinta unita, si confondono con i disegni. Potete procurarvi degli scampoli nei negozi di tessuti oppure cercare nei negozi di biancheria per la casa, Ikea etc. Consiglio ovviamente una tinta unita, meglio se molto scura oppure bianca (per poterla candeggiare) delle dimensioni di un normale asciugamano.

9) LUCI

Passiamo a un discorso spinoso.

Era da tempo che volevo affrontare questo argomento perchè, sui vari gruppi facebook di appassionate di makeup, leggo spesso di ragazze che chiedono come possono fare per avere un’illuminazione adeguata.

Anzitutto, se ne avete bisogno per una postazione fissa, per esempio a casa, nella vostra cameretta, va benissimo cercare una soluzione economica, sistemando faretti e specchi comprati da Ikea o Leroy Merlin. In fondo chi non ha un fidanzato, un amico o il papà appassionato di bricolage che possono montare per noi queste soluzioni, fatte apposta per queste situazioni?

MA se ne avete bisogno per lavoro, per il vostro studio o addirittura da portare in giro, e volete fare qualcosa di esteticamente gradevole, sinceramente mi spaventa un po’ chi dice “me lo faccio da me”.

Innanzitutto penso sia abbastanza pericoloso cercare di assemblare componenti elettriche non create appositamente per questo scopo: è facile sbagliare, calcolare male, non conoscere una determinata legge (intesa sia come normativa sia come legge fisica) che possano portarci a fare un errore FATALE.

Sì, perchè con l’elettricità non si scherza: basta un filo scoperto e prendi la scossa. E anche se non si muore, vi assicuro che non è piacevole (mi è successo da bambina).

Inoltre, una postazione portatile è fatta appunto di specchi e luci (=lampadine), cioè elementi fragilissimi: siamo sicuri di voler provare a costruire da noi, dilettanti alle prime armi, una cosa del genere?

Io personalmente ho fatto una scelta diversa, ed infatti uso questo specchio e ve lo consiglio caldamente!!

mw01_tsk_specchio_multiuso_trasportabile_cover_inclusa_cantoni_7

Specchio Cantoni

 

Anzitutto ha luci neutre a led, le lampadine non si scaldano e sono inserite in modo che non siano assolutamente esposte agli urti.

Inoltre è fatto in modo che sia possibile sia appoggiarlo su un piano, regolandone anche l’inclinazione, sia appenderlo a una parete. E’ dotato di una custodia leggera ma pratica e robusta.

Ogni volta che ho un lavoro in cui non so che tipo di luci troverò, lo porto con me, anche se devo muovermi coi mezzi. Non è super super leggero ma è fattibile.

10) In ultimo, affrontiamo il tema: TRUCCARE E FARSI TRUCCARE.

Provare a farsi truccare, prima ancora di provare a truccare qualcnuo, è FONDAMENTALE: per sapere come mettere le mani letteralmente in faccia alla gente, bisogna anzitutto passare per questo step, per capire cosa si prova a farsi truccare da persone inesperte, in modo da trovare il proprio metodo per non dare fastidio o addirittura fare male, ma anche per capire COME ottenere un certo risultato senza prima fare errori catastrofici che ti obblighino a ripartire da capo e buttare un’ora di lavoro.

Se non avete mai fatto un corso di makeup serio forse non vi è mai capitato di farvi truccare da un non professionista, ma forse vi sarà capitato di farvi truccare in profumeria o posti simili, o in altre situazioni, (si presuppone) da un MUA.

Provate a pensarci: cosa (non) vi è piaciuto, sia del risultato finale sia delle sensazioni provate durante la sessione? Era invadente? Parlava troppo, o troppo poco?

Com’era il suo tocco? Delicato o un po’ violento? I pennelli erano puliti e morbidi? La postazione era pulita e in ordine, i prodotti erano in buono stato?

Com’era il suo aspetto, curato o trasandato? Aveva l’alito cattivo?

Ha ascoltato le vostre indicazioni o ha fatto di testa propria? Ha proposto prima di procedere o ha scelto per voi?

Ovviamente non esistono dei metodi per misurare questi aspetti: è tutto veramente molto soggettivo e variabile a seconda della situazione e anche dalla “geografia”. Magari a Napoli ci si aspetta di trovare un MUA più affabile e chiacchierone e a Milano uno un po’ più freddo…e ciò che può dare fastidio a una persona può essere accettabile per un’altra.

Il segreto è capire dove ci si trova, chi si ha di fronte, che obiettivo ha e cosa bisogna fare. Chiaramente tutto questo deve comunque accordarsi con quello che è il NOSTRO obiettivo: se per esempio ci troviamo a truccare in un punto vendita, dobbiamo metterci poco tempo e cercare di vendere, e molto probabilmente il tipo di look ci viene imposto dalla nostra maison; se siamo ad una sfilata, non ha assolutamente nessuna importanza se alla modella non piace un certo colore o altro, e il look è certamente deciso da altri.

Nel primo caso, pur cercando di rimanere nei tempi, possiamo provare a stabilire una relazione con la cliente, in modo da farla sentire a suo agio e benvenuta, avere la sua fiducia ed essere convincenti nella proposta di vendita (sempre facendo riferimento però a quanto ci ha detto riguardo le sue esigenze e i suoi gusti); nel secondo caso, con la modella si parla il meno possibile e si procede spediti.

Al contrario, se stiamo truccando una sposina, dobbiamo sicuramente calibrare ogni aspetto del nostro lavoro; a seconda che sia solo una prova o che sia il giorno delle nozze, dobbiamo assicurarci di avere un comportamento consono, misurare le parole e il tono di voce, non essere troppo agitati, infonderle sicurezza, ascoltarla, essere propositivi.

Riguardo invece la delicatezza del tocco e dei pennelli, su questo io personalmente non transigo: basta veramente poco per far male e basta anche poco per assicurarsi che non stia accadendo. Io per esempio chiedo sempre: “Faccio male? Dimmi se senti un fastidio qualsiasi”. Questo perchè ovviamente può capitare che un pennello, a furia di lavarlo, diventi un po’ ispido senza che io me ne accorga.

Bisogna inoltre sapere come fare per applicare bene la matita sull’occhio senza fare male, come applicare la crema senza che sembri che stiamo dando la palta con la cazzuola e tante altre cose.

Sono aspetti che non è facile affrontare in un post, dal vivo ad un corso è sicuramente più facile simulare un incontro di lavoro per capire in cosa migliorare.

Bene ragazze e ragazzi, con questo credo sia proprio tutto (no, non lo è affatto!! Ma non posso superare le 3000 parole!!). Spero vi siano piaciuti questi 3 post, fatemelo sapere!

(Leggi anche il primo e il secondo!)

10 segreti dei makeup artist (seconda parte)

Rieccoci qua ragazze e ragazzi, buongiorno.

Come promesso ieri, sono tornata per prosegiuire il post sui 10 segreti dei makeup artist.

Oggi vi parlerò: Continua a leggere

10 segreti dei makeup artist (prima parte)

Ciao ragazze!

Eccomi tornata, dopo tanto tempo, per parlarvi dei miei segreti circa il makeup.

WARNING: Questo post sarà talmente lungo da avermi fatto decidere di spezzarlo in 3 sezioni :D

Dicevamo, si parla di segreti: saranno sicuramente utili a tutte voi, ma soprattutto le aspiranti MUA trarranno maggiore vantaggio (spero) da quanto segue.

Vi svelerò infatti 10 cose che ho imparato in tutti questi anni, fra corsi, lavori e momenti di confronto con colleghe ed amiche. Troverete consigli di ogni tipo, sia sulla tecnica sia sull’organizzazione.

Collage 2.jpg

Tengo molto a precisare che non è solo il corso a fare di una persona un professionista, ma anche l’esperienza e lo scambio di opinioni con professionisti del settore (non solo MUA, anche fotografi e registi), clienti e semplici appassionati. Ognuno ha qualcosa da dire. Continua a leggere

M∙A∙C GLEAMING, BEAMING, STROBING

Ciao ragazze!!
Eccomi tornata dopo tanto tempo…

Oggi parliamo di prodotti MAC dedicati al trend del momento: la tecnica dello STROBING.

Continua a leggere

Mac Le Disko

Mac ha recentemente lanciato  una nuova strepitosa collezione che farà impazzire di gioia chi, come me, ha un debole per i prodotti dedicati al trucco occhi, e siccome spesso non si capisce bene da quali pezzi sia composta una collezione limitata, ho ben pensato a voi, care amiche, mostrandovela tutta, pezzo per pezzo.

[Non ho ancora avuto modo di passare a vederla dal vivo (e a fotografarla) perciò mi avvarrò delle foto che gentilmente mi sono state trasmesse da MAC direttamente. Vi piacerebbe vedere, magari su instagram, le foto scattate da me, magari solo di quello che più mi ‘scompiffera’? :) Fatemi sapere!]

In realtà questa limited edition comprende anche lipgloss favolosi ma quando si parla di ombretti ed eyeliner, scusatemi, io non vedo altro :DDD

line up le disko

La “Le Disko” di Mac infatti comprende due eyeliner colorati (oro e argento, capiamoci!!), dodici tonalità di ombretti, cinque lipgloss e un nuovo pennello per sfumatura.

 

Vediamola nel dettaglio:

Gli eyeliner liquidi sono a base d’acqua, ma resistenti all’acqua e si asciugano in 15 secondi. Insomma un must have dell’estate! (E che sinceramente si possono usare tranquillamente anche in inverno…)

Il pezzo forte della collezione per me è rappresentata, come dicevo, dagli ombretti: hanno una particolare formula a lunga durata, una via di mezzo tra crema e polvere capace di regalare riflessi cangianti all’occhio. (In fondo al post trovate le immagini grandi)

 

I cinque colori dei gloss (Bianco, Fucsia, Nude, Viola, Rosa), sono arricchiti con particelle riflettenti che danno un effetto splendente e ultra brillante.

Cosa ne dite? Vi attira? A me tantissimo!!

Come accennavo in questa gallery trovate lo slide show delle foto degli ombretti più in grande :))

Questo slideshow richiede JavaScript.

A presto!!

Le 5 palette occhi preferite del momento

Oggi vorrei fare un post di un genere che non ho mai fatto prima, cioè quello dei ‘most played’.

palette preferite

In questo tipo di prodotti Continua a leggere

Oliva mitica: la nuova linea di Garnier a base di olio d’oliva

La linea al completo: Oliva Mitica Garnier

La linea al completo: Oliva Mitica Garnier

Ciao ragazze,

eccomi qua, mi sono quasi ripresa dal cosmo eheheheh, presto vi racconterò tutto.

Oggi vi parlo di una nuova linea shampoo-balsamo-maschera Continua a leggere

Cosmoprof 2015: cosa non perdere!!

Collage zuca bb

 

Ciao ragazze!!

Come già ho tentato di fare gli anni scorsi, ho deciso di postare info utili a chi verrà a visitare la fiera più attesa dell’anno! (Potete leggere il (post che ho scritto l’anno scorso in merito).

Per chi non sapesse di cosa sto parlando: è presto detto!

Il “Cosmo” è la fiera che si svolge a Bologna solitamente a cavallo fra marzo e aprile (in realtà ci sono altre edizioni in giro per il mondo, sul sito trovate tutto). La prossima avrà luogo dal 20 al 23 marzo.

Esporranno aziende di ogni tipo, da tanti paesi e di tutti i settore: il makeup, l’estetica, i capelli, le unghie, prodotti, accessori, utensili, arredamento, abbigliamento (da lavoro), scuole, case editrici, produttori…ce n’è per tutti!!

Quello che è importante sapere, innanzitutto, è che NON TUTTI VENDONO!!

Sappiate che in teoria l’unico padiglione in cui si è autorizzati a vendere è il 34. Alcuni vendono anche se in altri padiglioni, sopratutto nelle giornate di domenica e lunedì (le ultime 2 giornate su un totale di 4).

La fiera è veramente ENORME!!

Se volete visitare il Cosmo, dunque, informatevi bene prima su quelli che sono i vostri brand preferiti, dove si trovano etc, in modo da ottimizzare il tempo a vostra disposizione. E ricordate poi che domenica e lunedì sono i giorni in cui si fanno gli affari migliori ma che potreste anche non trovare ciò che vi interessa in quanto esaurito.

Come vestirsi e altre info utili:
scarpe basse, bottiglietta d’acqua in borsa, (capitolo borsa: vedete voi, o piccola a tracolla con portafoglio e cellulare più uno zaino per gli acquisti oppure qualcosa di grosso e basta, l’importante è stare attenti che non vi rubino o perdiate nulla) ma sopratutto ricordate che il biglietto è valido per un solo ingresso al giorno. Una volta uscite non potrete più rientrare!!

Fatta questa breve introduzione, vengo al dunque, cioè agli stand da non perdere, almeno secondo il mio modesto parere. Sono in ordine di padiglione ma pensavo di fare un altro post con gli stessi nomi divisi però per categoria; potrebbe iinteressarvi? Fatemi sapere.

Inoltre sappiate che in genere ogni stand vende/presenta un solo brand ma chiaramente se parliamo di quelli presenti al 34 (il padiglione dei ‘retailers’) troverete anche per esempio BB Cream Italia che vende Real Techniques, Milani, Manic Panic, BH, MUA, The Balm etc etc.

ATTENZIONE – PRIMA DI LASCIARVI ALL’ELENCO DI CHI C’è SAPPIATE CHE NON CI SARA’ANASTASIA BEVERLY HILLS (che c’era invece nel 2014) Nè ILLAMASQUA, al contrario di quanto detto da qualcuno in rete (ho semplicemente trovato un tweet di febbraio in cui rispondendo a un utente dicevano che non avrebbero partecipato):

Ecco la mia selezione per il 2015:

miicosmetics [makeup] 14 (F8-G7)
bioline jatò [skincare] 14 (B14-D13)
comfortzone [prodotti pro x capelli] 14 (E2-F1)
make up for ever/la truccheria [pro makeup, inclusi pennelli e prodotti particolari] 16 (B4)
kryolan [pro makeup, inclusi pennelli e prodotti particolari] 16 (L9)
eulenspiegel [lenti] 16 (G26)
la cremerie [creme e prodotti toiletries dalle profumazioni golose] 16 (A11) e anche 21N (Q13)
Aegyptia Milano Makeup/BCM [scuola+pro makeup] 19 (D34)
idun [makeup minerale] 19EG (8)
makeup revolution** [makeup] 22P (I1)
make-upstudio/SPECIAL COSMETICS BV [makeup] 22P (N9-M10)
human+kind 19EG [panni microfibra] (25)
beautylab [makeup] 19-EG (21A)
eve pearl [makeup] 19-EG (30)
stargazer [prodotti particolari per capelli e trucco] 22 (B6)
alessandro-international [solo unghie] 22 (C11)
cotoneve [prodotti in cotone idrofilo e altro] 22 (A43-B44)
gosh [pennelli+makeup] 22P (D2-E1)
natasha denona [makeup] 22P (F5)
wet and wild/physician formula/markwins [makeup] 22P (G2)
zoeva [pennelli+makeup] 22P (G9)
alfaparf/decoderm/alfaparf group [prodotti pro x capelli] 25 (C50 A46-B47)
florelle [makeup] 26 (A77)
flormar [smalti+pennelli+makeup] 26 (B27)
beauty&trend [solo pennelli] 26 (B89)
mesauda/gaon [prod. pro x trucco unghie e capelli] 26 (C17)
bellapierre [makeup minerale] 26 (C20)
paperself [ciglia finte particolari] 26 (B30)
da vinci [solo pennelli] 26 (C48)
cinecittà e altri/phitofarma [pro makeup, pennelli e prodotti particolari] 26 (C79) + 36 (D23)
accakappa [spazzole, pennelli, varie] 26 (A83-B86)
verona [makeup] 29 (A36)
elixir [makeup] 29 (D14)
cazcarra [makeup] 29 (E4)
orlybeauty [solo unghie] 30 (A14-B15-F)
nyx [makeup] 30 (A17A)
youngblood [pro makeup, inclusi pennelli e prodotti particolari] 30 (A2)
cala [pennelli, spungne, ciglia finte, acc. vari] 30 (B16)
prestige [makeup] 30 (B16-C15C)
w7 [makeup] 30 (B36)
magnifibres [fibre per ciglia] 30 (B36-C35C)
beautyuk [makeup] 30 (C36)
la splash [makeup] 30 (E31)
mesmereyez colour contact lenses [lenti] 30 (E36)
essence/catrice /cosnova [pennelli+makeup+smalti] 30 (F26A)
studio-makeup (v. prestige) [prod. pro x trucco unghie e capelli] 30 (B16-C15)
nickak [makeup] 30 (B28-C27B)
blinc [fibre per ciglia] 30 (B4-C3E)
nika [prodotti pro x capelli] 31 (A11)
beauty addicts/ecru/altre [makeup e pennelli] 31 (A14-B15)
tony&guy [prodotti pro x capelli] 31 (B7)
elgon/pidielle [prodotti pro x capelli] 32 (A1-B2 B1-B5)
parlux http://www.parlux.it [phon e piastre] 33 (C15 C16)
manic panic**[prodotti particolari per capelli e trucco] 34 (B2) +35 (D48)
zuca [trolley professionali] 34 (D17)
babyliss/conair [phon e piastre] 34 (D22)
girardi [accessori & decorazioni] 34 (D5)
dowa [accessori per acconciatori] 34 (D6-E5)
kepro [varie capelli] 34 (E22) + 36 (D3)
bb cream italia [pennelli+makeup] 34 (F26)
sabbadini mauro [prod. pro x trucco unghie e capelli] 34 (C34 C23)
seiseta [extension] 35 (D3-E4)
nee/everline [makeup] 35 (A3)
yqbrush 35C (C57)
paolap [makeup] 36 (A1)
peggy sage [prod. pro x trucco unghie e capelli] 36 (D4)
mia makeup/independent nails [pennelli, spungne, ciglia finte, acc. vari] 36 (B4-C3)
clarissa nails [smalti, ciglia e altro] 36 (E10-F9)
wimpernwelle [prodotti per extension ciglia, glitter] 36 (E2-F1)
faby [solo unghie] 36 (F16-G15 F6-G5)

**sarà presente anche presso lo stand di BB Cream

Ragazze è tutto! E’ stata una faticaccia preparare questo elenco ma l’ho fatto con piacere anche perchè servirà pure a me, visto che lavorerò avrò poco tempo per girare la fiera!!

Rimanete ‘sintonizzate’, se faccio in tempo pubblico volentieri un altro post con gli espositori divisi per categoria :))
E poi…devo ancora dirvi dove e quando mi troverete!! :))

Di seguito qualche foto dei prodotti che sarà possibile trovare:

beauty addicts

Dessata – disponibile da BB cream Italia

 

eve pearl, trio correttori

 

paola p, india collection palette

 

 

wet n wild palette

 

physicians formula

 

zaino pro artist zuca

 

matita jumbo in milk, NYX

 

blush essence

 

Blush perfetto: piccola guida alla scelta e all’uso del blush in polvere

IMG-20150205-WA0004

Ciao ragazze,

quest’oggi parliamo di una tipologia di prodotto che ho scoperto relativamente da poco. Continua a leggere

MAC Pro Palette – L’evento con Michele Magnani e il team M A C

Ciao ragazze,

oggi vi voglio parlare di un prodotto che pensavo conosciutissimo, e invece mi sono accorta che non è così.

Si tratta della Palette Pro di Mac; come suggerisce il nome è una palette per ombretti, ma la cosa più interessante è che è completamente personalizzabile!!

pal (2)

In alcuni store infatti è possibile acquistare Continua a leggere