Un brand ‘incompreso’: IT Style

Care amiche e amici,

quest’oggi vi parlo di un brand che mi piaciucchia, nel senso che ha diverse cose molto molto interessanti e dal prezzo talvolta molto abbordabile, talvolta un po’ meno.

Come avrete capito dal titolo, si tratta di It Style, un negozio monomarca approdato nel centro commerciale dove di solito mi rifornisco per la spesa settimanale ;)

Vorrei fare delle considerazioni in merito rivolte più che altro al management (e, per chi non ci fosse mai stato, faccio una breve – per quanto possibile – descrizione di negozio e prodotti) perché davvero mi dispiace che ‘nessuno’ consideri e parli di questo brand che come dicevo a me non dispiace affatto!

Punto primo: pur avendo un’immagine molto sobria, espositori semplici, ordinati e dal design ‘pulito’ e colori che richiamano brand parecchio PRO o molto ben definiti (parliamo di bianco e nero, a me ricorda molto Sephora o anche Inglot e MAC), le ragazze che lavorano all’interno mi hanno spesso detto che la gente tende a confonderlo con Kiko; addirittura qualcuno chiede se siano la linea low cost di questo brand (ancora più low cost di Kiko??)

QUINDI: sarebbe mica il caso di cambiare qualcosa nell’immagine di questa marca?? Magari organizzando ogni tanto delle sedute di trucco free, con qualche makeup artist professionista che possa spiegare le qualità di questo brand?

Punto secondo: ci sono diversi pennelli a prezzi stratosferici e solo qualcuno si salva in termini di qualità.

Se ti chiami Dior puoi anche mettere fuori un kabuki sintetico a 25€, altrimenti evita.

QUINDI: fatevi un esame di coscienza e un confronto con altre case che fanno pennelli. Non ne faccio una questione di qualità…ma davvero credete di essere tanto conosciuti da potervi permettere pennelli con i prezzi di make up for ever o mac? Il prezzo va pensato anche in considerazione di questo…

Punto terzo: ci sono prodotti a non finire.

Smalti e smaltini di varie misure e ‘modelli’: crackle, magnetici, glitterati etc
Palettine occhi molto accattivanti e con bei colori accesi
Ombretti mono, cotti e non (peccato, li han fatti col coperchio opaco e pure senza specchio…tanto valeva farli trasparenti no?)
Rossetti e gloss con vari finish, lunga durata etc anche in barattolino
Matite occhi e labbra, anche automatiche
Brow marker (!)
Ombretti in crema che potrebbero non essere malaccio, secondo me saranno sul livello di Essence
Gel glitterati
Fondi con diverse performance
Ciprie con diverse funzioni, anche una con altissima percentuale di silica (la HD di MUFE è 100% silica)
Fard e terre
Correttori stick o in crema
Per non parlare delle 2 nuove matite: contorno labbra trasparente e quella color burro
I prezzi sono ragionevoli: rossetti sui 5€, fondi sui 6/7€, matite sui 4€…non male no!?

Questo lo so io, lo sanno le ragazze che ci lavorano, lo sa qualche cliente che magari, visto che in questo centro commerciale non c’è Kiko né Sephora e bisogna ‘accontentarsi’ di Bottega Verde, Douglas, La Gardenia, H&M, entra in cerca di qualcosaltro, e basta (sì ok ora lo sapete anche voi).

QUINDI: sarebbe mica il caso di cambiare qualcosa nella comunicazione?
Un po’ di pubblicità classica, non dico su Vogue ma su un teen magazine magari, un po’ di digital PR (mai sentito parlare di facebook e twitter, di blogger?), un po’ di direct marketing, magari una tessera fedeltà, così raccogli nominativi cui mandare sconti mirati (come fa Bottega Verde e anche Sephora) richiederebbero un investimento certo, ma se non spendi per farti conoscere l’investimento che hai fatto per aprire mille miliardi di negozi in tutta Europa lo perdi comunque…

Detto questo, se come me siete sempre alla ricerca delle novità, magari di quelle che possono farvi risparmiare, vi invito a cercare il negozio più vicino a voi e di fargli visita.
Se poi avete voglia di farmi sapere che ne pensate, mi farebbe piacere un confronto con voi :)

Vi lascio a qualche foto fatta proprio ieri delle novità più succulente :))

A prestoooooooo!!

Annunci

Stai usando il pennello giusto?? (Analisi pennelli #2 – generico)

 

[scroll down for English release]

Grazie alla segnalazione di Katjusa (che a sua volta ha tratto ispirazione da quest’altro blog) ho finalmente trovato lo spunto che cercavo da tanto per parlare di pennelli in maniera più articolata rispetto al post sui pennelli da fondo.

Nelle immagini qui sotto trovate quindi una panoramica dei pennelli più comuni con le descrizioni.

(Dove ho potuto ho mantenuto la didascalia originale (in inglese) e ho aggiunto quella in italiano. Nell’ultima trovate l’immagine originale completa. Cliccate per ingrandire le immagini e leggere tutto).

Ovviamente esistono mille altre varianti. Mancano per esempio il kabuki, il piatto da sfumatura (vedi mac 217 ad esempio), quello da blush con taglio angolato e molti altri, più o meno necessari…ma diciamo che con un set del genere ci si può fare comunque un bel lavoro!

Inoltre non tutti rispettano pedissequamente le indicazioni qui date dal produttore (Zoeva, se non erro).

Per esempio ho un pennello simile all’E40, un po’ più grande, che uso anche per il contouring o la cipria, a seconda di come mi gira. L’E65 e l’E05 li uso anche per le labbra.

Certo, dipende anche dalle vostra capacità; inoltre, se si parla di strumenti di lavoro, è necessario avere questi (o per lo meno alcuni) pennelli in quantità, perchè se capita (e capita) di truccare più di una persona al giorno, non si può certo aspettare di lavarli e asciugarli…

E voi, che ne dite? Vi si sono chiarite le idee? Avete domande? In caso, sono qui per voi!

A presto!

[scroll down for English release]

Thanks to Katjusa (who saw the picture here) I’ve finally found what I was looking for…an image that helped me to talk about brushes in a more general manner than I did in this post, and that could point out the overall use of the most used ones.

Pics below: overview of the most common and captions.

(Click to enlarge).

Of course there are many many more.

E.g. we dont see kabuki, the flat blending one like mac 217, the one for blusher with an angled cut, and others, more or less important…but let’s day that with a similar kit we can get a good job!

Moreover, many MUA/MU addicted dont use brushes like this (captions given by the manufacturer, Zoeva, if I’m not wrong).

E.g. I’ve got a brush similar to E40, a bit larger maybe, that I use also for contouring or loose powder, it depends on the day. And E65s, E05s, I use them also for lips.

Sure, it depends on your skills, and, if you’re a MUA, you need much more than this, at least a bigger quantity (at least for some of them), because if you need to makeup more than one person in a day (and of course it happens most of the time!), you cant wait to wash and dry them!

What do you think? Do you agree? Should you have any questions, feel free to ask!

See you soon!