10 segreti dei makeup artist (terza e ultima parte)

Ciao ragazze e ragazzi,

eccomi con un altro post: ho in realtà semplicemente suddiviso in modo diverso gli argomenti per rendere gli articoli più fruibili e leggibili.

In questa sezione vedrete suggerimenti su argomenti come:

lo STRUCCAGGIO

l’ORGANIZZAZIONE e il CONTENUTO della POSTAZIONE e del TROLLEY

le LUCI

l’importanza di farsi truccare per IMPARARE A TRUCCARE.

7) STRUCCAGGIO: oggi per struccarci abbiamo veramente l’imbarazzo della scelta. Dal caro vecchio latte detergente siamo passati ai bifasici e anche agli olii vegetali, ottimi per chi ama i prodotti ecobio (anche se spesso creano problemi di untuosità varie lasciate su federe di cuscino ehheheeh). Io sinceramente faccio poco uso di questi prodotti, mi capita giusto se mi sono truccata con cose molto particolari, grasse e resistenti, come può capitare ad Halloween. (In quei casi l’olio vegetale -in realtà anche quello di origine minerale, di solito a base di paraffina- è ottimo perchè scioglie le componenti adesive che possono avere accessori posticci e makeup strani come quelli che si usano per queste feste, senza tirare la pelle e fare male).

Se siete delle appassionate doc saprete anche che negli ultimi anni c’è stata l’esplosione delle acque micellari, ma forse non sapete come mai, spesso, guardando foto di backstage di sfilate o set, sui desk dei truccatori si vede, nel 99% dei casi, la micellare Bioderma.

biodermauff

Bioderma è stata la casa che ha inventato questa soluzione miracolosa ed è talmente buona, sia in termini di efficacia, sia in termini di delicatezza su tutti i tipi di pelle, che praticamente TUTTI i truccatori fanno affidamento a questo brand per quanto riguarda la detersione. Come si suol dire, è proprio un MUST HAVE. Tra l’altro credo anche che sia l’unica casa ad aver pensato a una micellare per pelli miste/grasse a tendenza acneica. Inoltre, esistono entrambe in 3 formati: da 100ml, perfetta da provare e anche da portare in viaggio o nel trolley da lavoro (con questo flaconcino minuscolo si struccano decine e decine di persone), da 250ml, un po’ più grande ma ancora comodo per viaggiare, e il 500ml, secondo me poco pratico per gli spostamenti ma perfetto per casa e sicuramente molto più economico! Sappiate inoltre che spesso nelle farmacie/parafarmacie si trovano delle promozioni, ad esempio due flaconi da 500ml al prezzo di uno, oppure con 2 prodotti c’è in regalo quella da 100ml. I prezzi, secondo la mia esperienza, sono all’incirca: 3/4€ per il 100ml; 15€ per il 250ml; 18€ per il 500ml.

Se siete nuove in questo settore, vi consiglio quindi di farne scorta e di portarla sempre con voi sui set. Le persone del settore sanno di cosa si tratta ed è un po’ un must have che vi permette di identificarvi subito come professionista, esattamente come potrebbe essere un prodotto MAC.

8) ORGANIZZAZIONE:

Per quanto riguarda l’organizzazione, invece, se siete MUA alle prime armi o semplicemente vi piace truccare le amiche, è necessario sapere come suddividere i prodotti in modo che siano facili da trovare, pratici da riporre e protetti dagli urti.

Se ci pensate, per ogni fase bisogna usare tanti prodotti di forme e formati diversi, ed alcune presentano delle criticità, possono rompersi o aprirsi e provocare un danno difficile da sistemare. Diciamo però che le cose più delicate sono blush e ombretti, mono o in palette, e questi infatti andranno protetti benissimo.

Prendete dunque tutto quello che volete mettere nel trolley e dividete in questo modo.

Per la base avrete: creme viso e contorno occhi, fondotinta e correttori fluidi e/o compatti (flaconi di vetro o tubetti di plastica o pack tondi in cialda magari con specchio o in stick o in polvere libera o compatta), ciprie compatte o in polvere libera; blush mono o in palette; prodotti per il contouring in stick o palette, illuminanti in polvere/stick/tubetto/cialda/fluido/matita; struccanti (micellare inclusa), tonico/acqua di rose o termale, fixer, primer viso e occhi.

Per gli occhi: ombretti in polvere libera o in crema, mono, palette; mascara, eyeliner neri, colorati, glitterati, liquidi o in gel, matite e matitoni, prodotti per sopracciglia quali browkit, matite etc. Ciglia finte e colla.

Per labbra: rossetti e gloss; matite; prodotti in palette o cialde.

Accessori: temperamatite, piegaciglia, pennelli, spugnette, piumini; pinzette e forbicine, stencil per sopracciglia; portapennelli (rullo, tubo o cintura), barattoli portamatite, dischetti e cotton fiocc, veline; pettine o spazzola (li porto anche se non devo fare i capelli); forcine ed elastici per raccogliere i capelli mentre truccate (cioè per la cliente/modella ma anche per voi se serve). Eventualmente pensate anche a un pulisci pennelli ad azione rapida (o almeno che disinfetti).

Tutto ciò che è liquido, in crema non compatta o in polvere libera, se non serve nella quantità in cui viene venduto, si può pensare di travasarlo in flaconi o pot più piccoli (li trovate da Sephora, da Ovs, nelle parafarmacie ma spesso anche nei supermercati. Da MAC li trovate addirittura con il logo).

Questo vale per micellare e struccanti, acqua di rose, pulisci-pennelli, ciprie, pigmenti, blush. La micellare Bioderma e il Fix plus vengono venduti anche in formato travel size.

Per quanto concerne i pennelli, si usa generalemente fare questa associazione:

NATURALI PER LE POLVERI, SINTETICI PER LE EMULSIONI (tutto ciò che è cremoso o liquido). Questo perchè le setole naturali assorbono troppo le emulsioni (spesso si usano per sfumare, proprio perchè attirano gli eccessi di prodotto) mentre i sintetici non trattengono abbastanza le polveri. In realtà oggi esistono diversi tipi di fibre sintetiche e alcune simulano perfettamente quelle naturali. Inoltre non è detto che naturale sia per forza uguale a morbido, anzi; spesso le fibre naturali si consumano e diventano ispide, mentre quelle sintetiche sono più resistenti all’usura e anche più facili e veloci da lavare.

Tra i pennelli dovrete averne diversi delle seguenti tipologie:

-per fondotinta, sintetici: a lingua di gatto, cioè piatto, tipo il MAC 191, per applicare, e  un duofibre, tondo, per sfumare e uniformare (tipo il MAC 187, anche se io preferisco il 188, se non addirittura il 130, ancora più piccolo e compatto. La differenza sta nella resa finale: con il 188 e il 130 si ottiene maggiore coprenza e si possono raggiungere angoli ‘difficili’).

-per polveri viso e per illuminante: grandi e medi, a sezione tonda, sintetici o naturali

-per correttore ed eventuale contouring: medi e piccoli, tondi e piatti

-per sfumare sugli occhi, tipo MAC 217 e 224, piatti e tondi, naturali

-di precisione, tipo MAC 219

-per eyeliner, tipo 315 Zoeva

scovolini monouso per mascara, da sfruttare anche per sopracciglia (si possono comunque lavare e riciclare)

-per labbra: almeno uno per ogni persona da truccare; se saranno molte, optate per applicatori monouso. Esistono inoltre delle spatoline di plastica per prelevare piccole quantità di rossetto dagli stick per poterle poi lavorare a parte. Io uso spatola e piattino di MAC (palette) in acciaio, ma si potrebbero usare anche quelli in plastica per occhi.

11ba30266f8364de354c463fe47dab0e

-spugnette per tamponare il fondo e piumini per la cipria.

Vi suggerisco inoltre di portare anche una busta in cui mettere, man mano che li sostituite, i pennelli e tutti gli accessori sporchi. Una volta terminato il lavoro, sistemerete tutto al proprio posto e a casa dovrete solo tirare fuori la busta, lavarli e  quando saranno asciutti, rimetterli nel trolley: sarete già pronti per una nuova giornata.

Una volta che avrete sott’occhio tutti i prodotti, suddivisi per ‘zona’, suddivideteli ancora per ‘forma’e ‘fragilità’: come dicevo sopra, scoprirete che non sono poi tanti i prodotti che vanno protetti.

Un tubetto di fondotinta non si romperà molto facilmente (ma non va comunque sottoposto a grande pressione e bisogna fare attenzione che non si apra).

Anche le matite tendono ad aprirsi (e quindi le punte poi si rovinano e sporcano dappertutto): io le ho raggruppate e fermate con elastici e poi inserite in una scatolina.

Idem i pigmenti: meglio inserirli in una scatola ben chiusa, al cui interno è anche possibile mettere uno strato sottile di gommapiuma per attutire i colpi che di solito causano l’apertura.

Le palette invece vanno protette benissimo: io le ho inserite in buste di pluriball e poi ho  bloccato il tutto con elastici.

I rossetti: se usate gli stick, potete metterli in una bustina trasparente; eventualmente sempre con gli elastici, separateli per finish e/o tipologia di colore.

I prodotti mono in polvere o crema e altri prodotti piatti, compatti o di piccole dimensioni possono essere inseriti in una scatola con separatori.

Valutate quindi di cosa avete bisogno: pouch trasparenti e morbide o scatole rigide? Qualche idea potreste trovarla da MAC, Make up for ever, Cantoni, Sephora, Zoeva sul sito Douglas, Zoeva, Shaka (per esempio a me piace questo, questo e possiedo già questo che però uso a casa; non si capisce dalla foto ma si srotola e internamente le tasche sono trasparenti).

Possiedo anche la scatola in questa foto, anche se ora non è assolutamente così che l’ho organizzata, ma è giusto per farvi capire le potenzialità (è di Cantoni).

cantoni

Scatola Cantoni

Potreste anche trovarvi, per comodità, ad affiancare le matite occhi a quelle labbra, le palette dei blush a quelle occhi, i prodotti mono per viso a quelli per occhi e via discorrendo. L’importante è che sia tutto separato secondo una logica.

Quando dovrete preparare la postazione, inoltre, sarà opportuno ricoprire la superficie di lavoro con un telo, sia per proteggerla da graffi e macchie, sia perchè sarà più facile gestire i prodotti: spesso tendono a rotolare se le superfici sono liscie, oppure, se non sono a tinta unita, si confondono con i disegni. Potete procurarvi degli scampoli nei negozi di tessuti oppure cercare nei negozi di biancheria per la casa, Ikea etc. Consiglio ovviamente una tinta unita, meglio se molto scura oppure bianca (per poterla candeggiare) delle dimensioni di un normale asciugamano.

9) LUCI

Passiamo a un discorso spinoso.

Era da tempo che volevo affrontare questo argomento perchè, sui vari gruppi facebook di appassionate di makeup, leggo spesso di ragazze che chiedono come possono fare per avere un’illuminazione adeguata.

Anzitutto, se ne avete bisogno per una postazione fissa, per esempio a casa, nella vostra cameretta, va benissimo cercare una soluzione economica, sistemando faretti e specchi comprati da Ikea o Leroy Merlin. In fondo chi non ha un fidanzato, un amico o il papà appassionato di bricolage che possono montare per noi queste soluzioni, fatte apposta per queste situazioni?

MA se ne avete bisogno per lavoro, per il vostro studio o addirittura da portare in giro, e volete fare qualcosa di esteticamente gradevole, sinceramente mi spaventa un po’ chi dice “me lo faccio da me”.

Innanzitutto penso sia abbastanza pericoloso cercare di assemblare componenti elettriche non create appositamente per questo scopo: è facile sbagliare, calcolare male, non conoscere una determinata legge (intesa sia come normativa sia come legge fisica) che possano portarci a fare un errore FATALE.

Sì, perchè con l’elettricità non si scherza: basta un filo scoperto e prendi la scossa. E anche se non si muore, vi assicuro che non è piacevole (mi è successo da bambina).

Inoltre, una postazione portatile è fatta appunto di specchi e luci (=lampadine), cioè elementi fragilissimi: siamo sicuri di voler provare a costruire da noi, dilettanti alle prime armi, una cosa del genere?

Io personalmente ho fatto una scelta diversa, ed infatti uso questo specchio e ve lo consiglio caldamente!!

mw01_tsk_specchio_multiuso_trasportabile_cover_inclusa_cantoni_7

Specchio Cantoni

 

Anzitutto ha luci neutre a led, le lampadine non si scaldano e sono inserite in modo che non siano assolutamente esposte agli urti.

Inoltre è fatto in modo che sia possibile sia appoggiarlo su un piano, regolandone anche l’inclinazione, sia appenderlo a una parete. E’ dotato di una custodia leggera ma pratica e robusta.

Ogni volta che ho un lavoro in cui non so che tipo di luci troverò, lo porto con me, anche se devo muovermi coi mezzi. Non è super super leggero ma è fattibile.

10) In ultimo, affrontiamo il tema: TRUCCARE E FARSI TRUCCARE.

Provare a farsi truccare, prima ancora di provare a truccare qualcnuo, è FONDAMENTALE: per sapere come mettere le mani letteralmente in faccia alla gente, bisogna anzitutto passare per questo step, per capire cosa si prova a farsi truccare da persone inesperte, in modo da trovare il proprio metodo per non dare fastidio o addirittura fare male, ma anche per capire COME ottenere un certo risultato senza prima fare errori catastrofici che ti obblighino a ripartire da capo e buttare un’ora di lavoro.

Se non avete mai fatto un corso di makeup serio forse non vi è mai capitato di farvi truccare da un non professionista, ma forse vi sarà capitato di farvi truccare in profumeria o posti simili, o in altre situazioni, (si presuppone) da un MUA.

Provate a pensarci: cosa (non) vi è piaciuto, sia del risultato finale sia delle sensazioni provate durante la sessione? Era invadente? Parlava troppo, o troppo poco?

Com’era il suo tocco? Delicato o un po’ violento? I pennelli erano puliti e morbidi? La postazione era pulita e in ordine, i prodotti erano in buono stato?

Com’era il suo aspetto, curato o trasandato? Aveva l’alito cattivo?

Ha ascoltato le vostre indicazioni o ha fatto di testa propria? Ha proposto prima di procedere o ha scelto per voi?

Ovviamente non esistono dei metodi per misurare questi aspetti: è tutto veramente molto soggettivo e variabile a seconda della situazione e anche dalla “geografia”. Magari a Napoli ci si aspetta di trovare un MUA più affabile e chiacchierone e a Milano uno un po’ più freddo…e ciò che può dare fastidio a una persona può essere accettabile per un’altra.

Il segreto è capire dove ci si trova, chi si ha di fronte, che obiettivo ha e cosa bisogna fare. Chiaramente tutto questo deve comunque accordarsi con quello che è il NOSTRO obiettivo: se per esempio ci troviamo a truccare in un punto vendita, dobbiamo metterci poco tempo e cercare di vendere, e molto probabilmente il tipo di look ci viene imposto dalla nostra maison; se siamo ad una sfilata, non ha assolutamente nessuna importanza se alla modella non piace un certo colore o altro, e il look è certamente deciso da altri.

Nel primo caso, pur cercando di rimanere nei tempi, possiamo provare a stabilire una relazione con la cliente, in modo da farla sentire a suo agio e benvenuta, avere la sua fiducia ed essere convincenti nella proposta di vendita (sempre facendo riferimento però a quanto ci ha detto riguardo le sue esigenze e i suoi gusti); nel secondo caso, con la modella si parla il meno possibile e si procede spediti.

Al contrario, se stiamo truccando una sposina, dobbiamo sicuramente calibrare ogni aspetto del nostro lavoro; a seconda che sia solo una prova o che sia il giorno delle nozze, dobbiamo assicurarci di avere un comportamento consono, misurare le parole e il tono di voce, non essere troppo agitati, infonderle sicurezza, ascoltarla, essere propositivi.

Riguardo invece la delicatezza del tocco e dei pennelli, su questo io personalmente non transigo: basta veramente poco per far male e basta anche poco per assicurarsi che non stia accadendo. Io per esempio chiedo sempre: “Faccio male? Dimmi se senti un fastidio qualsiasi”. Questo perchè ovviamente può capitare che un pennello, a furia di lavarlo, diventi un po’ ispido senza che io me ne accorga.

Bisogna inoltre sapere come fare per applicare bene la matita sull’occhio senza fare male, come applicare la crema senza che sembri che stiamo dando la palta con la cazzuola e tante altre cose.

Sono aspetti che non è facile affrontare in un post, dal vivo ad un corso è sicuramente più facile simulare un incontro di lavoro per capire in cosa migliorare.

Bene ragazze e ragazzi, con questo credo sia proprio tutto (no, non lo è affatto!! Ma non posso superare le 3000 parole!!). Spero vi siano piaciuti questi 3 post, fatemelo sapere!

(Leggi anche il primo e il secondo!)

10 segreti dei makeup artist (seconda parte)

Rieccoci qua ragazze e ragazzi, buongiorno.

Come promesso ieri, sono tornata per prosegiuire il post sui 10 segreti dei makeup artist.

Oggi vi parlerò: Continua a leggere

Blush perfetto: piccola guida alla scelta e all’uso del blush in polvere

IMG-20150205-WA0004

Ciao ragazze,

quest’oggi parliamo di una tipologia di prodotto che ho scoperto relativamente da poco. Continua a leggere

10 trucchi per ottenere l’effetto WOW dal tuo mascara

mascara colorati shaka

Una delle domande che mi fanno più spesso le mie clienti e amiche è: vale davvero la pena spendere 25, 30 euro per un mascara di marca o ci si può accontentare di uno più economico?

In genere rispondo che se per alcuni tipi di prodotto mi trovo benissimo Continua a leggere

Shaka, vi presento SUN e TROPICAL

 

Palette e blush shaka

 

 

Ciao ragazze!

Prima di iniziare preciso che non si tratta di una review ma di un “prime impressioni”, anzi direi pure “primissime”, e il motivo è presto detto.

Giusto ieri mi è arrivato un pacchettino delizioso, Continua a leggere

Idea nailart per inesperte e per una correzione furba (VIDEO)

Video

Ciao ragazze!

Ecco un bel tutorial (almeno spero che sia bello hihihihi).

Tutto è nato dopo la lettura di questo articolo in cui mi sono imbattuta qualche giorno fa sulla moda della nailart e che mi è tornato in mente mentre preparavo la lista delle cose da fare e portare per il Cosmoprof.

So che quelle di voi che se la cavano con le unghie e la nailart storceranno il naso, ne sono consapevole!
Ma sappiate che non tutte hanno delle unghie belle e sane e che purtroppo in qualche modo si deve pur fare se non si vuole andare in giro senza nulla!

Del resto anche se non dò una grande importanza a un discorso di nail “art”, non posso nascondere che -dal mio punto di vista- su un look particolarmente elaborato (e non intendo solo il trucco ma anche abbigliamento, accessori, capelli) non stanno molto bene delle unghie non curate o anche solo ‘nude’: un minimo ci vuole, fosse anche solo uno smalto color albicocca o bianco perlato!
Non trovate?

Quindi, se anche voi come me siete un po’ pasticcione, non ve la sapete cavare con la caviar, sognate gli smalti glitterati e avete già provato tutti i vari metodi di ricostruzione possibili (gel, acrilico, semipermanente etc etc) date un’occhiata a questo video!

[Per chi non avesse voglia di guardarlo, vi basta guardare tra le mie foto su FB per capire cosa intendo]

Fatemi sapere che ne pensate!

Ciao!!

Ila

Capodanno 2012: qualche consiglio utile

Parliamo di look per capodanno:

non credo che farò un tutorial (non ne ho il tempo) ma qualche consiglio mi sento di darvelo.

Prendo spunto da un’amica che mi dice:

“Io ho progressivamente scartato: trucco con pietrine, trucco nero, ciglia finte, rossetto rosso. Sono invitata ad una cena (quindi anche una tinta non può fare miracoli), non so quando andrò a dormire e dove dormiro e con… Ahem. Beh, quindi non so quando e come mi struccheró, e non vorrei rimanere tutto il tempo coi rimasugli di colla sugli occhi o cose così. Pensavo: metto il rossetto dopo cena. Ma credo che avrà un motivo per dare fastidio anche lí. Cavolo, mi toccherà passare il capodanno struccata!“

Dunque: se pensate di fare le Pazze come lei, di andare a dormire non si sa bene né quando né dove e soprattutto non sapete con chi vi risveglierete :DDD evitate trucchi troppo pesanti perché poi la mattina se non vi siete struccate ve lo ritroverete sparso per tutta la faccia.
Inutile dire che non sarebbe una cattiva idea se vi portaste dietro delle salviette struccanti, spazzolino e dentifricio, e magari perché no occhiali e liquido per lenti a contatto se le portate…

Comunque partite con un trucco leggero e fate prima in ogni caso.
Per trucco leggero non intendo trucco-che-c’è-ma-non-si-vede ma dai toni abbastanza neutri e chiari (quindi anche azzurro o verde chiaro), sì al mascara, alla matita marrone, no alle ciglia finte e ad eyeliner o matite nere o colorate a strass e glitterozzi.

Se poi siete di quelle che anche quando ci provano non sanno fare un trucco decente, evitate di riprovarci per capodanno…limitatevi a base ben fatta, blush, ombretto di un solo colore e solo su palpebra mobile, mascara&gloss.

Se siete simili a Clio per colori, va benissimo questo video
anche se:
-eviterei tutto sto eyeliner oro stratificato, farete comunque le ore piccole e sono sicura che dopo una certa ora comincerà a disfarsi
-sulla bocca, mi piacciono le varianti 1 e 3 perchè calde e chiare, mentre la 2 è rosata e fa a pugni col resto del trucco e la 4 è troppo scura, fa un po’ effetto anni ’20 o halloween.

Se quel giorno lavorerete ma non volete rinunciare al trucco del mattino e la sera non avete molto tempo, concentratevi su una base leggera, in modo da poterla ritoccare prima di uscire la sera, e sugli occhi optate per una semplice riga di matita nera o colorata, così da poterla sfruttare per il trucco serale, e mettete poco mascara, così se lo ripasserete non farà schifo :D

Se avete scelto accessori freddi (color argento, platino etc etc) optate per trucco freddo, viceversa se avete scelto accessori caldi (oro e bronzo).

Se vi piacciono i glitter, o fate una bella riga di eyeliner o li mettete su tutta la palpebra mobile. Evitate qualche glitter qua e là tanto per, non sta bene. In più, quegli eyeliner trasparenti con glitter ‘mangiano’ l’ombretto, nel senso che l’’acquetta’ assorbe il colore e lascia la pelle nuda.
Preferite dei glitter ‘secchi’ (in polvere libera) e con la colla apposta (tipo glitter glue di too faced) o un ombretto cremoso create la base (come dicevo o per la riga o su tutta la palpebra mobile).

Come prodotti, consiglio

Eyeliner oro di H&M
Eyeliner/mascara in glitter di Debby, 3 varianti (coll. Glitter Club)
Eyeliner in glitter di Pupa, 4 varianti (coll. Deco)
Glitter glue e glitter di Toofaced
Colla per glitter e glitter di Manic Panic
Smalti glitterati o metallizzati di Shaka
Mascara colorati di Shaka
Polveri illuminanti (a spruzzino) di Douglas, Debby o altre case (consiglio di spruzzare prima crema corpo o lacca per capelli per aiutare il fissaggio della polvere)

Di seguito qualche foto che forse si fa prima :DDD

La valigia perfetta (per le vacanze)

 

Ecco, ci siamo, siamo atterrate, ci portano in albergo, disfiamo i bagagli e…orrore!! Abbiamo dimenticato qualcosa di fondamentale!! Come si fa adesso?

Be’ in certi casi si può rimediare facilmente, in altri meno…in altri pagando tanto!!

Vediamo allora di eliminare il problema all’origine: una o anche 2 settimane prima facciamo una bella lista con tutto ciò che ci serve e che dobbiamo ancora fare/comprare (vedi ceretta, creme, scovare cappelli e maschere, lavare alcuni capi, prova costumi & pantaloncini, così da avere il tempo di andare a comprare qualcosa se non ci entra più!).

Ovviamente la lista sarà diversa a seconda che andiate al mare o in montagna, in campeggio o in un albergo di lusso, quindi prendete spunto da questa lista per trarne solo ciò che vi serve davvero.

Mi raccomando di provare, lavare e stirare in anticipo gli abiti che volete portarvi!!

Fondamentali
· tessera sanitaria (valida per l’Europa)
· contante (ricordatevi di prenotare il cambio in banca con largo anticipo)
· biglietti di viaggio (obliterate i biglietti ferroviari!)
· prenotazioni e supplementi (rapido, cuccetta) e con i relativi codici e con gli estremi della transazione fatta telefonicamente o via Internet)
· voucher alberghi
· documenti automobile (carta di circolazione, assicurazione, ecc.). Siete a posto con revisione e tagliando? E le gomme?? E l’olio?
· foglio con il programma del viaggio (orari, coincidenze, appuntamenti, riferimenti sul posto, ecc.),
· navigatore (potete anche aggiornarlo con la mappa del paese di destinazione, e potete usarlo anche a piedi) e caricabatteria.
· cartine, guide turistiche e descrizione dei percorsi (ad esempio stampati da Internet)
· chiavi di casa
· chiavi della macchina (+ copie di riserva e chiave blocca-allarme)
· indirizzi e telefoni utili (alberghi, noleggio/officina auto, agenzia viaggio, compagnie aeree, ambasciate e consolati, Europe Assistance, amici)

Di giorno
· borsa da spiaggia e un astuccio per cellulare e cose delicate. Zaino se andate in montagna
· Un portafoglio/portamonete da usare in spiaggia
· costumi da bagno. Se prevedete di andare in piscina o alle terme, almeno uno dovrà essere di materiale sintetico, perché quelli di cotone sbiadiscono per via del cloro. In questo caso potrebbe essere necessaria anche una cuffia e delle ciabattine adatte alla piscina. Nel caso di terme potreste trovarvi comode con i costumi con reggiseno a fascia, difatti quelli normali spesso cedono quando ci si pone sotto le cascate.
· occhiali da sole, magari anche uno di scorta. Occhialini/maschera, specie se portate le lenti a contatto.
· maglietta e/o canotta (o più di una) bianca da usare in spiaggia per proteggervi, siete bianchine e/o rischiate di scottarvi. preferite magari qlcs da battaglia, da poter usare anche se dovete entrare in acqua, e che sia morbido, di un tessuto che non ‘graffi’ e abbondante come taglia.
· pareo e copricostume
· bandana, cappello, cappellino
· prodotti solari per prevenire le scottature, quindi protezioni, doposole e se volete anche gli acceleratori.
· Protezione capelli o olio districante, pettine per il mare (denti larghi)
· infradito e ciabattine carine da spiaggia, scarpe in gomma per fare il bagno se il fondale è sassoso/roccioso
· telo mare/stuoie
· spruzzino
· giochi per i bambini

Abbigliamento
· 1 jeans o pantalone lungo
· magliette & top (giorno/sera)
· pantaloncini e tenute da spiaggia
· gonne & vestitini
· sandali e scarpe stilose
· scarpe comode/da ginnastica, soprattutto se andate in posti tipo Grecia o comunque dove è probabile una gita/escursione/visita archeologica o di qualsiasi tipo. spesso in queste località c’è da scarpinare lungo scalinate e sentieri impervi.
· biancheria intima & calzini
· felpina o giacchetta per tutte le mise
· abbigliamento più pesante e scarpe da trekking se andate in montagna
· una o più cinture adatte a tutte le mise

Bellezza
Se viaggiate in aereo potrebbero farvi comodo i kit da viaggio con mini bottiglie e minijar. Li trovate da Sephora, OVS (Shaka) e in molte parafarmacie e profumerie.

Anche da Muji trovate un sacco di cose utili per il viaggio, soprattutto i portapillole che avrete senz’altro già visto nel mio post sui pigmenti :D

· shampoo/balsamo/maschera
· bagnoschiuma e sapone
· crema idratante per il viso
· crema doposole per il corpo
· spazzolino/dentifricio/collutorio (e spazzolino di scorta). Procuratevi un portaspazzolino se non l’avete
· trucco essenziale: fondotinta da usare al posto del correttore, matita nera, mascara, qualche ombretto, un gloss, browpencil
· trucco non essenziale: palettine colorate, mascara WP, rossetti, matite, blush, cipria
· smalti e acetone, kit per unghie con lima, forbicine
· struccante e dischetti di cotone
· spazzola/pettine e accessori per capelli
· mollette, pinze, elastici a go-go
· lacca, spuma, gel
· liquido per lenti, salina, occhiali da vista, portalentine, lenti di ricambio (potete anche optare per una confezione di lenti usa e getta, a questo punto serve solo la salina), collirio
· Se non portate le lenti, occhiali da vista di scorta
· spray anti-zanzare (tipo Autan), pomata per le punture (Fargan e simili), zampironi
· collane, collanine, braccialetti
· kit da cucito

· LAST BUT NOT LEAST: il kit per ‘depilazione’!! cioè: depilatore (consiglio silk epil Braun o satin perfect Philips, e relativi caricabatteria o pile), rasoio usa-e-getta o non (idem), strisce grandi e piccole, crema pre e/o post epilazione, crema depilatoria.

Parentesi rasoio: potete usare quelli usa-e-getta specifici da donna, quelli da uomo, quelli elettrici da donna. Inoltre molti depilatori come silk epil o satin perfect vengono forniti anche con testine ‘rasoio’.

Ovviamente sarebbe meglio partire con cerette varie già fatte, per cui ricordatevi di prenotare la vs. seduta dall’estetista con un po’ d’anticipo (in genere sono stra-impegnate in questo periodo), magari proprio un paio di giorni prima della partenza.

Approfittate per farvi sistemare anche unghie di mani e piedi o qualsiasi altra cosa!! :D

Altro
· libri e/o sudoku/settimana enigmistica + matite, temperino e gomme
· cellulare, cell. di scorta e relativi pin e puk
· caricabatterie per cellulare/i
· macchina fotografica/videocamera e caricabatterie per macchina fotografica; cavalletti se vi servono; SD card di scorta
· pc/ipad/DS …, caricabatteria relativi, SD/USB
· eventuali prese per attacchi differenti
· phon e piastra per capelli
· lettore mp3 e caricabatteria
· cuffiette di scorta/auricolare blutooth specie se prevedete di guidare
· custodie per tutto quanto sopra, se necessario
· pinne e maschera
· giochi da spiaggia, da tavola (carte, frisbee)
· mollette per i panni (tornano comode per appendere i costumi ad asciugare)
· pacchettini di fazzoletti

Se avete affittato una casa, ricordatevi anche
· asciugamani e lenzuola (chiedete se li forniscono o meno)
· detersivi (se non volete comprarli lì spendendo un capitale però) – magari portatene di già iniziati
· carta igienica (portatevene almeno un rotolo da casa per quando arrivate)
· spezie (portate da casa delle confezioni già iniziate di quello liofilizzato)
· sale, zucchero, olio, aceto (portate qualcosa di già iniziato)
· stracci

Se andate in un BB o mezza pensione in una zona dove non esistono stabilimenti (per es. in costa azzurra dove ci sono le spiaggie libere dove vanno le persone con i cani), potrebbe farvi comodo un coltello, dei cucchiaini e dei contenitori con tappo (uno a persona oppure molti usa&getta), un piccolo tagliere, tovaglioli e sacchetti per surgelati con laccetti, borraccia/e.
Mi è capitato infatti una volta, e grazie a questa idea abbiamo potuto farci dei panini e delle macedonie da mangiare in spiaggia.

Se avete un cane, ricordatevi
· la sua pappa, inclusi biscottini premio etc etc
· le ciotole da tenere in stanza e per la spiaggia
· le sue medicine e antiparassitari
· guinzaglio e collare di scorta
· giochi
· tappetini per la pipì (fuori casa non si sa mai)
· sacchettini per la pupù (in Francia le multe sono salatissime)
· bottiglia porta acqua e un sacchettino di plastica più piccola ciotola per le crocchette, per quando andate in giro, di giorno o di sera. Esistono anche ciotole pieghevoli, che occupano meno spazio.
· salviette umidificate/fazzolettini

Ricordate di fare:
· le vaccinazioni e il microchip, se ancora non ce l’ha è arrivata l’ora. In più potete mettergli una medaglietta col vostro numero di telefono (ricordate di far mettere il +39 davanti).
· controllate inoltre di avere i documenti necessari per andare all’estero

Inoltre in caso di spiagge libere, invece di portarvi l’ombrellone che pesa un quintale, comprate quelle ‘mezzetende’, una specie di mezzo igloo che vendono al Decathlon ma anche altrove.

Leo & Io a cagnes sur mer, in costa azzurra, nel 2009

Per vederne di altri tipi

Avrete ombra e un posto riparato dal vento e dalla sabbia (ha anche delle tasche), con poco ingombro e peso.
Se andate in una spiaggia di sassi/ghiaia, le stuoie sono indispensabili (con o senza cane).
In generale comunque la Francia è consigliata, in costa azzurra ci sono appunto spiagge libere (con sassi) aperte ai cani, nei locali ti portano la ciotola per l’acqua (a volte non devi neppure chiederla), per le strade ci sono delle aree apposite per i bisognini e i cani sono benaccetti ovunque (comunque chiedete prima).
In particolare siamo stati a Saint Laurent du Var e a Cagnes sur mer, consiglio l’Holiday Inn.
Al Cap3000 (centro commerciale) si può addirittura entrare coi cani.

Per le Emergenze
· bancomat o carta di credito, pin vari e numeri per bloccarle, chiavetta home banking e codici
· cerotti, termometro e medicinali vari (antidolorifici in primis, senza dimenticare eventuali farmaci per problemi intestinali)
· crema per scottature
· carta d’identità e documenti importanti (soprattutto se vai all’estero)
· kit di pronto soccorso

Se prendete l’aereo E’ FONDAMENTALE RICORDARSI DI:
-mettere oggetti come forbicine, taglierini, coltellini svizzeri e cose simili nel bagaglio da stiva (controllate on line se avete dubbi).
-mettere i liquidi nel bagaglio da stiva, ben chiusi e sigillati in sacchetti di cellophan; se indossate lenti etc etc tenetevi solo il portalenti con del liquido pulito nel bagaglio a mano.
-mettere almeno un cambio nel bagaglio a mano. Per esempio se partite la mattina molto presto, indossate un jeans leggero e lungo, o un abito con felpa, e nel bagaglio a mano mettete costume, infradito e qualcosa di valido sia per il giorno sia per la sera. Viceversa se partite quando fa già caldo.
-tenere occhiali da sole e altre cose importanti e di valore (macchine fotografiche, DS etc) nel bagaglio a mano, senza superare però limiti di peso e volume (controllate sul sito della compagnia aerea o chiedete al tour operator).
-avere i documenti d’identità non scaduti!!!

Potete anche vedere questo video per avere altre ispirazioni.

Penso sia davvero tutto!! Se vi viene in mente qualcosa scrivetemelo così lo aggiungo!

Buona vacanze!!

 

Ombre manicure #2: Max Factor, Essence, Shaka

Eccomi con un’altra manicure particolare!

Come si fa: base coat, 10 smalti diversi in ‘scala’ e top coat.

Quali ho usato:

Da pollice a mignolo:
(mano dei viola)

Max factor 45, fantasy fire; 38, Purple haze*

Essence 86, a lovely secret (colour&go); 08, Doopey (coll. Snowwhite)

Shaka Dark Lavender; il numero non capisco quale sia, se cod. 707086 o ref. 650

(mano dei rossi)

Max factor 13, deep mauve; 12, diva pink; 23, hot pink; 09 diva coral**; 25, bright orange.

Base e top coat by Essence.
* e **: Su tutte le unghie 2 mani di colore tranne *=1 mano e **=3 mani

Commenti sui colori:

Max factor (tutti mini nail polish)
-45, fantasy fire; è un viola con glitter rossi, stupenderrimo è dire poco; da solo risulta un po’ trasparente ma con 2 mani si ottiene una coprenza soddisfacente. Secondo me è perfetto anche come top coat, l’ho infatti già provato sopra al purple haze con cui ha in comune il colore di base.
-38, Purple haze: coprentissimo, è più scuro di come appare nel flacone, per questo è più carino usato come base al fantasy fire, che così non viene ‘sprecato’ per fare il primo strato.
-13, deep mauve: della famiglia dei rosa, è perlato, scuro, con molto rosso e una punta di blu e microglitter rossi, tipo quelli del fantasy fire ma più discreti, forse risaltano di meno semplicemente. Lo trovo spettacolare e molto versatile: va bene per le più giovani come base per una nailart o per le ragazze più grandi usato a tutta mano.
-12, diva pink: molto, molto simile al #13 ma più chiaro; stesse considerazioni ma, in più, a tutta mano secondo me è adatto anche alle più giovani.
-23, hot pink: un po’ più chiaro e più rosso del #12, ed è opaco
-09 diva coral: rosa corallo con una punta di tangerine tango, opaco, mi ricorda tanto il colore dei bikini dei film anni ’80. Difficile da portare da solo, almeno per me che vado verso gli ‘anta!!
-25, bright orange: perfetto tangerine tango (opaco) tanto di moda quest’anno…che poi sta bene al 10% della popolazione femminile ma va be’…come dicevo su FB è carino se usato in un contesto simile, perchè davvero, su di me, non l’avrei applicato mai da solo a tutta mano, troppo pop, troppo fluo per i miei gusti. Invece così fa tanto arcobaleno!!

Essence
-86, a lovely secret (colour&go): azzurro-lilla con microglitter rosa-viola che però una volta indossato si vedono poco.
-08, Doopey (coll. Snowwhite): azzurro un po’ grigino con glitter argento ben visibili

Shaka Dark Lavender: mah…si chiama lavender ma non capisco perchè. Vira un po’ verso il taupe (tipo particuliere), soprattutto di sera. Comunque ha il suo perchè :D

Vi piace??? :D

(Foto scattate con Canon powershot sx210 is)

Cosa sto provando in questo periodo (prossime review) – giugno 2012

Aggiornamento/Updating:

questa è una “rubrica” in cui tengo nota di cosa sto provando, per darmi anche un ritmo e ricordarmi quali sono le cose su cui focalizzarmi e che devo recensire ASAP/this is a ‘notepad’ where I write what I have to try out and review, just to have something that gives me a “push” and that helps me being more focused on urgent matters.

Nello stesso tempo chi mi legge, se vuole, potrà darmi il suo parere, farmi domande in merito, dare suggerimenti :) o anche sollecitare la recensione di uno o dell’altro prodotto/In the same time, who reads, if he/she wants, can ask me my opinion, questions, gives advice and/or ask for a full review of a particular product.

Insomma, una sorta di to do list/kind of a to do list.

Li ho messi random, non c’è un ordine preciso, quindi se vi preme un’opinione su qualcuno in particolare, parlate ora! Altrimenti potrei non parlarne affatto/It is a random order. As said, if you are in hurry to know my opinion, please feel free to ask :DDD

Giugno 2012 – aggiornato al 22/6/2012

Sto provando/what I’m trying now (read below for translation):

1) ombretti in crema di varie marche e colori *

2) rossetti max factor vari colori *

3) nuova palette ombretti in crema mufe

4) matitoni nuovi mufe vari colori *

5) palette ombretti rosa shiseido *

6) cipria polvere libera shiseido *

7) ombretti verdi/azzurri di catrice (2), debby, max factor, royal effem (2), essence (3, rosa, viola, nero glitter)

8) ombretti viola di catrice (2)

9) vari prodotti royal effem, fra cui gloss, ombretti (3),

10) palette front cover

11) un nuovo gloss particolare

12) diversi mascara che devo recensire da tempo * (revlon, max factor, royal effem…)

13) diverse matite pupa che ho da diversi mesi *

14) diversi ombretti pupa (idem)

15) pennelli e accessori vari royal beauty

16) pennelli kubobeauty

17) erase paste concealer di benefit **

18) porefessional benefit **

19) eyeliner nero, liquido, maybelline **

20) eyeliner in gel, 3 colori, maybelline

21) rossetto shaka rosa pallido

22) skinflash dior **, new look (mascara) dior, rossetto dior addict (nella colorazione che porta kate moss nella pubblicità, lucky – 536)

23) 2 pigmenti kiko

24) ombretto duo colorsphere, kiko

25) un paio di palette, ciprie e terre di maybelline

26) matita nera givenchy

27) vari fondotinta, 1 mascara, rossetti, matite labbra e occhi revlon (avrei anche delle palette di ombretti ma non sono sicura siano ancora in vendita, li ho dall’anno scorso)

28) varie cose essence (eyeliner glitterato per es)

29) palette fard e altre cosette di neemakeup

30) matitone cera sopracciglia bottega verde (ma la vendono ancora? ce l’ho da tanto…)

31) brow kit catrice

32) una matita labbra **, un blush in crema, 2 palette Urban Decay

33) un fondo compatto e il primer occhi di Too Faced

34) matita occhi nera di YSL

35) ombretto duo di clinique 104, strawberry fudge

36) ombretto mono di lancome bianco, ray of light **

37) 2 pennellini catrice **

38) shaka: 3 ombretti, 2 gloss, 1 rossetto, 3 smalti, 1 fard, salviettine umidificate

39) rituals: palette ombretti verdi, matita sopracciglia, matita occhio viola, 2 illuminanti, 1 fard, pennello fondo (vedi foto della sfilata per addocchiarli)

40) n. 6 beauty experience: matita color panna e eyeliner glitterato

41) pennello sephora

42) pennello essence

43) eyeliner rosso kiko, eyeliner verde make up for ever

44) smalto rosso sally hansen, smalto verde magnetico nails inc.

….SE SONO TANTI!!!

Ce la posso fare!! :DDD

So di avere indietro anche un paio di post su qualche evento…ma non ricordo quale :DDD

Visualiazza la precedente edizione

___________*_______________________*_______________________
LEGENDA:
* on line si trova già qualcosa
** già recensito

Per trovare foto, pareri, review, nella home page trovate il motore di ricerca interno.

___________*_______________________*_______________________

rossetto: lipstick
ombretto: eyeshadow
crema: cream/creamy
polvere: powder (meaning all the powders, also eyeshadow and foundation can be powder)
cipria: powder (as per English meaning)
smalto: nail polish
kiko/shaka/pupa/others: italian brands
matita: pencil
fondo: foundation
diversi, alcuni: many